Sport
La delusione

Luca Artino sfortunato al Valdinievole

Luca e Noemi Artino hanno visto svanire l'occasione di un buon piazzamento

Luca Artino sfortunato al Valdinievole
Sport Valdinievole, 10 Maggio 2022 ore 08:30

Il pilota di Lamporecchio, tornato per l'occasione sulla Renault Clio S1600, si deve arrendere ad un guasto meccanico negli ultimi metri dell'ultima prova speciale, in un rally di casa condiviso con la sorella Noemi alle note e per i colori di Art-Motorsport 2.0.

Finale amaro per Luca Artino

Il portacolori di Art-Motorsport 2.0 ha affrontato il suo rally di casa con la Renault Clio S1600 di Motul Tech, tornando per l'occasione al volante di una vettura a trazione anteriore, ed al suo fianco ha ritrovato la sorella Noemi Artino, alla sua terza esperienza con il quaderno delle note.
Il weekend del pilota di Lamporecchio è stato condizionato dalla costante ricerca del miglior assetto, oltre al doversi riadattare alla guida richiesta dal tipo di vettura, ben diversa dalle quattro ruote motrici sulle quali è abitualmente impegnato, che ne ha limitato le prestazioni, non mancando comunque il divertimento ed il piacere di guida. Il finale di gara, poi, gli ha riservato un brutto spavento: nei metri finali dell'ultima prova, in piena velocità, ha ceduto il braccetto della ruota anteriore destra, un guasto che ha reso la vettura ingovernabile, e soltanto la prontezza di riflessi di Artino ha evitato conseguenze peggiori. Pur riuscendo ad uscire dalla prova speciale, il ritiro è stato inevitabile. In qualche modo, comunque, il pilota di Lamporecchio è riuscito a sistemare il problema meccanico, potendo raggiungere il palco d'arrivo, seppur fuori classifica, e festeggiare davanti al pubblico il compleanno della figlia.
"Peccato per come è finito il mio rally, ma il divertimento non è mancato - le parole di Luca Artino – Sinceramente mi aspettavo qualcosa di più a livello di tempi, ma non sono mai riuscito a trovare le giuste soluzioni di assetto per esprimere il mio potenziale. All'uscita delle prove avevamo costantemente la pressione dei pneumatici anteriori alle stelle, e, seppur mi sembrasse di guidare bene, non uscivano i tempi sperati. Nonostante ciò mi sono divertito, la Clio S1600 è una vettura che ti fa “godere” ed il team mi ha fornito un mezzo molto valido. Mia sorella Noemi, poi, si è confermata per l'ennesima volta: la tensione di correre in casa era sicuramente maggiore, ma non ha sbagliato niente ed è stata perfetta. Archiviamo così, con un pizzico di amarezza, la gara di casa, e puntiamo già ai prossimi appuntamenti della Coppa Rally di Zona 6, il mio focus stagionale.”

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter