La forza dei bimbi

Allenamenti a distanza: non si ferma la voglia di calcio del Montecatinimurialdo

Con tutta l'attività in campo sospesa, il MontecatiniMurialdo si è organizzato al meglio per far svolgere alcuni allenamenti, con mezzi di fortuna, direttamente nelle abitazioni dei "baby" calciatori ed i risultati sono già importanti.

Allenamenti a distanza: non si ferma la voglia di calcio del Montecatinimurialdo
Sport Valdinievole, 03 Dicembre 2020 ore 17:58

Il colpo incassato è stato davvero duro da assorbire. Fermarsi nuovamente dopo aver programmato un'intera stagione con l'entusiasmo e la professionalità di sempre, poteva far traballare anche i più appassionati. Il nuovo stop imposto dagli ultimi DPCM non ha però scoraggiato il Montecatinimurialdo, che dopo un paio di settimane di assestamento ha ricalibrato le proprie attività in base alle possibilità del momento. Trovando piena disponibilità di istruttori e soprattutto e ragazzi, la società biancoceleste ha infatti stilato un programma di allenamenti online per mantenere vivi il contatto con le squadre e la voglia di calcio.

Montecatinimurialdo, l'attività prosegue online

“Come società ci siamo sentiti in dovere di stare vicino ai ragazzi - ha spiegato il presidente Stefano Scaffai - fino a che è stato possibile li abbiamo fatti venire al campo per svolgere allenamenti individuali nel pieno rispetto delle regole imposte, adesso però non volevamo fermarci e grazie alla tecnologia abbiamo trovato una soluzione efficace all'impossibilità di far allenare le nostre squadre”.

Attraverso i più comuni e utilizzati programmi di videochat, i tecnici del settore giovanile hanno organizzato vere e proprie sessioni di allenamento a distanza, che hanno riscontrato grande partecipazione da parte dei giovani atleti.

Per tutti due sedute a settimana da circa un'ora: 20/30' dedicati alla parte atletica e il restante tempo a disposizione riservato a esercitazioni tecniche con il mister.

“Se consideriamo il momento, l'iniziativa ha riscosso un buon successo - ha detto il direttore sportivo Massimo Dessì - i ragazzi sono stati i più sacrificati da questa situazione, in quanto si sono ritrovati a rinunciare alla scuola, al calcio, agli amici nello stesso momento. Dovevamo fare qualcosa, per tenere alta motivazione e la loro voglia di sentirsi parte di un progetto. Con gli allenatori stiamo lavorando per fare un lavoro di mantenimento, in modo da farci trovare pronti qualora si potesse tornare in campo per finire la stagione”.

Diversa invece l'attività pensato per la scuola calcio, visto che per ovvi motivi legati all'utilizzo degli strumenti e alla disponibilità dei genitori, non è stato possibile organizzare sedute di allenamento a distanza. Gli istruttori hanno quindi preparato esercizi da eseguire tra le mura domestiche, invitando i bambini a fare dei video per testimoniare la riuscita delle varie sfide proposte.

“Per i nostri gruppi più piccoli abbiamo pensato ad allenamenti semplici di tecnica e di preparazione atletica, da poter svolgere in casa con l'utilizzo di oggetti semplici come dei bicchieri di carta al posto dei consueti cinesini - ha spiegato Elisa Natali, istruttrice motoria della Scuola Calcio - L'obiettivo è proprio  quello di far divertire i nostri ragazzi nonostante il momento difficile e tenerli in movimento in vista di una possibile ripresa”.