Scuola
ancora riconoscimenti

I servizi educativi del Comune di Pistoia continuano a fare scuola anche in Giappone

I servizi educativi del Comune di Pistoia si confermano all'avanguardia, non solo in Italia: il punto, in questi giorni, addirittura con colleghi del Giappone.

I servizi educativi del Comune di Pistoia continuano a fare scuola anche in Giappone
Scuola Pistoia, 10 Novembre 2021 ore 15:25

Proseguono gli incontri e gli scambi dei servizi educativi pistoiesi con le delegazioni straniere. Nei giorni scorsi è stata la volta di quaranta educatori scolastici giapponesi che, collegati in diretta streaming con il servizio di via dei Pappagalli, attraverso le parole della dirigente all’istruzione Federica Taddei e dell’educatrice Debora Cappellini, hanno avuto modo di conoscere il modello pedagogico adottato a Pistoia e documentare il funzionamento dei servizi educativi. Una mattinata di studio e interazione, quindi, durante la quale la delegazione nipponica, coadiuvata da un traduttore, ha raccolto informazioni di dettaglio in merito alle proposte didattiche delle scuole pistoiesi, alle iniziative svolte per famiglie e bambini, ai corsi di formazione per gli operatori.

L'eccellenza dei servizi educativi del Comune di Pistoia

Considerate le difficoltà di spostamento dovute alla pandemia, nell’ultimo anno e mezzo i servizi educativi pistoiesi hanno intensificato visite, tirocini e incontri online anche attraverso il programma Studiare a Pistoia. Si tratta di un progetto rivolto a educatori, insegnanti, pedagogisti e studenti universitari provenienti da altre realtà, interessati a una conoscenza approfondita delle tematiche relative ai servizi educativi alla luce dell’esperienza pistoiese.

«Sono state numerose le richieste arrivate da tanti paesi del mondo – sottolinea l'assessore all'educazione Alessandra Frosini – per frequentare corsi di formazione ed effettuare scambi e tirocini con i nostri servizi educativi sempre all’attenzione della comunità internazionale. I nidi, le scuole dell’infanzia e le areebambini hanno accolto negli anni molti visitatori italiani e stranieri interessati a conoscerli. Si tratta di un patrimonio ricco di conoscenze e di esperienze a disposizione di chi già lavora in questi settori e intende approfondire la riflessione intorno alle strategie educative e organizzative, o di chi si accinge a entrarvi».

Per i servizi educativi, l'anno didattico si è aperto con l’incontro con Myra Barrs, consulente pedagogica e scrittrice, che è stata per molti anni direttrice del prestigioso Centre for Literacy in Primary Education (CLPE) di Londra. Nella sala Maggiore del Palazzo comunale, la studiosa inglese ha presentato il volume “Vygotsky The Teacher” alla presenza dell'assessore all'istruzione Alessandra Frosini. Lunghi e fruttuosi sono stati i suoi rapporti negli anni con i servizi educativi pistoiesi: Myra è stata una grande tessitrice di collegamenti con importanti istituzioni inglesi, come la Wellcome Collection, dove nel 2019 l’esperienza dei servizi educativi pistoiesi è stata presentata all’interno della mostra Play Well.

Scambi con delegazioni straniere. A inizio anno scolastico, dopo la sospensione dovuta al Covid, i servizi educativi hanno accolto 25 professionisti provenienti da Belgio, Svizzera, Francia e Italia all’interno del progetto europeo “Triangle” che rientra nell'ambito del programma Erasmus+ e che parte dalla constatazione che a livello europeo la formazione iniziale in molti paesi non risponde ancora adeguatamente alla complessità della professione educativa per la prima infanzia. Da qui l’obiettivo del progetto, ossia realizzare viaggi di formazione nei vari paesi coinvolti, al fine di consentire lo scambio di buone pratiche e di migliorare il loro agire educativo con i bambini e con le famiglie.