scuola e futuro

Duecento ragazzi pistoiesi ricchi di idee nel progetto "Viaggi in città per le vie della sostenibilità"

Bellissimi elaborati realizzati da 200 ragazzi di tre scuole della città di Pistoia hanno partecipato al progetto realizzato da Alia assieme ad altri partner.

Duecento ragazzi pistoiesi ricchi di idee nel progetto "Viaggi in città per le vie della sostenibilità"
Scuola Pistoia, 19 Maggio 2021 ore 14:46

“Pensa all'ambiente, non sprecare niente”, “Se il pianeta vuoi aiutare, impara a riciclare!”, “Se il rubinetto perde, perdi anche tu!” sono alcuni dei numerosi slogan ideati dai 200 ragazzi di tre istituti comprensivi (Cino- Galilei, Leonardo da Vinci e Marconi-Frosini) e alcune classi delle scuole Galileo Galilei, Gianni Rodari e Marconi Roncalli che hanno partecipato al progetto ambientale “Viaggi in città, per le vie della sostenibilità”, sul rispetto verso l'acqua e il nostro Pianeta, realizzato da Alia Servizi Ambientali S.p.A., Publiacqua, Water Right Foundation con il patrocinio del Comune di Pistoia. Studentesse e studenti hanno lavorato in aula e da casa grazie alla fruibilità degli strumenti didattici digitali e la loro predisposizione a muoversi in ambienti 3D. I percorsi virtuali sono diventati gli strumenti per imparare divertendosi.

"Pensa all'ambiente" il progetto di Alia nelle scuole pistoiesi

Nella giornata conclusiva del progetto, che si è svolta nei giorni scorsi, i giovani si sono sfidati in collegamento online con gli altri ragazzi, partecipando in classe, a colpi di quiz sui temi del progetto e sulle buone pratiche imparate. I risultati hanno stupito tutti. Nonostante la difficoltà delle domande le risposte sono state corrette. Per questo tutte le classi partecipanti sono state premiate dagli enti organizzatori con un buono da 400 euro spendibile in materiale informatico. All’evento erano presenti, sempre da remoto, gli assessori all'ambiente e all'educazione rispettivamente Gianna Risaliti e Alessandra Frosini, il presidente di Alia Servizi Ambientali Nicola Ciolini e il vicepresidente di Publiacqua Simone Barni anche in rappresentanza di Water Right Foundation. Nell'occasione è stato ricordato l’impegno necessario per rispettare e migliorare l’ambiente. Lo stesso hanno fatto i bambini e le bambine che hanno proposto degli slogan molto efficaci per trasmettere il rispetto verso l’acqua e tutta la Terra.

«E' bello vedere i ragazzi insieme ai loro insegnanti così appassionati su temi tanto importanti– sottolinea l'assessore all'educazione del Comune di Pistoia Alessandra Frosini -. La partecipazione e la preparazione è stata oltre le nostre aspettative, tutti davvero bravi sia nel rispondere al questionario sia nell’immaginare slogan tanto efficaci. Questo ci dà l’input per continuare a lavorare con proposte didattiche ambientali e civiche e per sensibilizzare la scuola sui temi a noi cari».

«È importante continuare questo progetto – dice l'assessore all'ambiente del Comune di Pistoia Gianna Risaliti – per sensibilizzare le famiglie sui temi legati alla cura e al rispetto dell'ambiente e pertanto il progetto è stato arricchito con un ulteriore percorso legato alla trasformazione del servizio di raccolta dei rifiuti, partito nelle scorse settimane, sul territorio comunale. Mi congratulo con gli insegnanti ed i ragazzi per la grande attenzione da loro riservata all’ambiente e per la bravura dimostrata nella creazione di slogan come ad esempio “Se l'acqua vuoi rispettare, non la sprecare”, “Se l'acqua non vuoi sprecare, chiudi il rubinetto e impara a risparmiare” e “L’acqua può essere pulita, ma non è infinita!”, oltre alle proposte grafiche».

Il progetto educativo sull'ambiente è nato nel 2017 grazie alla sinergia tra enti che da anni si dedicano alla didattica nelle scuole per parlare di temi ambientali, ciascuno secondo la propria diretta esperienza quotidiana. Alia Servizi ambientali per la gestione dei rifiuti, Publiacqua per la gestione dell’acqua e WRF per approfondire concetti sul consumo delle risorse idriche a livello globale hanno proposto alle scuole un percorso interdisciplinare con strumenti didattici digitali e l’intervento di esperti, laboratori quest’anno svolti in modalità online. “Viaggi in città, per le vie della sostenibilità” è stato un vero e proprio percorso dietro le quinte della città, attraverso tour virtuali e video in 3D con i quali gli studenti sono stati accompagnati negli impianti dove avviene la trasformazione: dove l’acqua diventa potabile e dove i rifiuti si trasformano in risorse.

«Una bellissima iniziativa – dice il vicepresidente di Publiacqua Simone Barni - che operatori, ragazzi e docenti sono stati bravissimi a valorizzare ed a rendere importante anche se a distanza. Un applauso lo meritano però in particolare le classi che sono state davvero brave, hanno dimostrato una spiccata sensibilità ambientale. La speranza è che siano adulti migliori di noi...».».

Le proposte didattiche, si sono incentrate su due temi dell’educazione ambientale e civica: produzione e consumo di acqua, con lo scopo di far conoscere il lavoro necessario per la potabilizzazione e la gestione dell’acqua in città, per la sensibilizzazione al consumo responsabile; riciclo e economia circolare con un approfondimento, in ambiente virtuale, su 15 materiali diversi, raccontando il ciclo di ciascun rifiuto da quando viene prodotto fino alla sua trasformazione in risorsa all’interno degli impianti.

«Bravi, bravissimi questi ragazzi che nonostante la pandemia, in DAD ed in presenza, hanno partecipato così numerosi ad un progetto di sensibilizzazione che parte a scuola ma ci auguriamo arrivi alle famiglie – così il presidente di Alia Servizi Ambientali SpA Nicola Ciolini -. L’attenzione e la consapevolezza dei giovani “cittadini di domani” è fondamentale per lo sviluppo sostenibile dei territori, non dimenticando che i rifiuti di oggi sono le risorse di domani, se correttamente gestiti ed avviati a riciclo. Alia ogni giorno è impegnata nel valorizzare il materiale raccolto ed attuare un’economia circolare in tutta Toscana, possibile soltanto con la piena collaborazione dei cittadini, di ogni età. Sono quindi fondamentali progetti educativi interdisciplinari su questi temi, soprattutto se tanto partecipati come questa nuova edizione di “Viaggi in città per le vie della sostenibilità”».