PISTOIA

Demolizione prefabbricato della scuola “Cino da Pistoia”: la soddisfazione della maggioranza

Demolizione prefabbricato della scuola “Cino da Pistoia”: la soddisfazione della maggioranza
Pistoia, 03 Novembre 2020 ore 15:51

“L’affidamento della progettazione della scuola elementare “Frosini”, la bonifica dall’amianto e la  demolizione del prefabbricato della scuola “Cino da Pistoia” segnano un traguardo importante per l’Amministrazione e per la nostra città”.

Così inizia il comunicato a firma di tutti i capogruppo della maggioranza in Consiglio comunale a Pistoia.

La soddisfazione per la demolizione del prefabbricato e della nuova scuola elementare

“Ricordiamo che nel luglio del 2017, la chiusura della scuola Frosini fu uno dei primi atti che fu costretto a firmare il Sindaco Tomasi, perché l’edificio non era risultato a norma a seguito delle verifiche statiche e sismiche effettuate.  Durante quell’estate il lavoro del Comune fu di enorme portata, con la gestione dello spostamento dei ragazzi e delle insegnanti, affrontando non pochi problemi nel migliore dei modi grazie anche alle famiglie e al personale scolastico. Davanti a tutte queste difficoltà, non ci siamo arresi. Grazie ai finanziamenti intercettati, siamo riusciti ad affidare la progettazione per la messa in sicurezza della scuola, che ci consentirà di partecipare ai bandi e reperire le risorse per riaprirla. Con la chiusura delle Frosini, è iniziato anche l’enorme lavoro di questa Amministrazione per verificare e mettere in sicurezza gli edifici scolastici di proprietà comunale.  Fino al 2017 erano state verificate solamente 4 scuole. Noi ne abbiamo verificate 34 e continuiamo ad affidare verifiche in quelle scuole non ancora controllate. Il confronto non ha bisogno di ulteriori commenti.

La vicenda della Scuola  Cino è invece una battaglia che parte ancor prima, con la chiusura nel 2014 per esito negativo delle verifiche e che oggi finalmente vede una prima vittoria. L’Amministrazione Tomasi fin da subito ha lavorato per progettare non solo l’abbattimento e la demolizione dell’edificio chiuso, ma anche per progettare un nuovo Polo scolastico capace di ospitare i ragazzi che attualmente sono ancora trasferiti in altre strutture.

Grazie al progetto di questa Amministrazione, abbiamo scalato oltre 300 posizioni nella graduatoria dei mutui Bei, arrivando ai primi posti. In attesa del finanziamento da parte del Governo, non ci siamo fermati e  abbiamo deciso di procedere con la bonifica dall’amianto e la demolizione, a breve, del prefabbricato.

Ecco, con grande fatica, lavorando sodo, cerchiamo di porre rimedio a un disastro ereditato su tutta l’edilizia scolastica e lo stiamo facendo con ottimi risultati che dimostrano quanto questa Amministrazione sia stata attenta  e abbia posto l’accento su un tema così delicato come quello della sicurezza dei nostri ragazzi, insieme agli insegnati e a tutto il personale, nei luoghi della loro formazione educativa e sociale. Un tema che oggi torna alla ribalta forse perché negli anni precedenti è lasciato in secondo piano”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità