Menu
Cerca
una eccellenza

La visita del Presidente di commissione sanità Enrico Sostegni alla Cross: "Pronti a lanciare la sfida europea"

Il lavoro della Centrale Cross di maxiemergenza visto nel dettaglio dal Presidente di commissione regionale Sanità, Enrico Sostegni, accompagnato dalla consigliera pistoiese Federica Fratoni.

La visita del Presidente di commissione sanità Enrico Sostegni alla Cross: "Pronti a lanciare la sfida europea"
Sanità Pistoia, 04 Giugno 2021 ore 17:54

"Un'eccellenza del nostro sistema sanitario toscano, un modello organizzativo pensato per gestire le emergenze ma che ha funzionato, sperimentando anche nuove soluzioni organizzative, a livello nazionale e internazionale, durante la pandemia. Ora la Centrale Cross potrebbe diventare di riferimento europeo e sarà un ulteriore motivo di orgoglio per la Toscana, per gli operatori che vi lavorano e i volontari e soddisfazione anche per i cittadini". Così il Presidente della Commissione regionale sanità, Enrico Sostegni, nella sua prima visita stamattina a Pistoia alle Centrali - Coordinamento Regionale Maxiemergenze (CRM) e Cross - Centrale Remota Operativa Soccorso Sanitario.

Enrico Sostegni (PD) in visita alla Centrale Cross di Pistoia

Accompagnato dalla consigliera regionale pistoiese Federica Fratoni, il Presidente ha voluto conoscere da vicino la funzione svolta dalle Centrali durante la pandemia del Covid-19 che è stata illustrata dal direttore delle due strutture il dottor Piero Paolini.

Sia la CMR che la Cross hanno gestito le tre fasi dell'emergenza sanitaria: i numeri sono enormi e dietro ad essi si è svolta una movimentazione di uomini e mezzi impressionante. Durante la pandemia la CMR ha coordinato tutto il sistema 118 regionale garantendo il trasferimento dei pazienti; tali interventi hanno evitato agli ospedali della Toscana di non andare in crash e poter continuare a ricevere i ricoverati. Sono stati 391 i pazienti trasferiti da un ospedale all'altro per lasciare I posti liberi, oltre a 174 trasferimenti di pazienti dall'AOU di Careggi verso altre strutture sempre per avere posti letto disponibili.

"Nessun paziente toscano e mai stato trasferito in altre regioni grazie al coordinamento a livello regionale che aveva la sua regia all'interno della Centrale" , ha detto Paolini.

La CMR ha distribuito 2.000.270 di dispositivi di protezione individuale e, sempre dalla Centrale, sono transitati 7.000 apparecchi biomedicali (respiratori principalmente) grazie al sostegno attivo di 348 Volontari. 48.781 sono, invece le prenotazioni effettuate dalla Centrale per la vaccinazioni del personale volontario dell'emergenza e impiegato nel sistema socio-sanitario a livello regionale. Come Cross Paolini ha ricordato che la struttura è stata impegnata sul territorio nazionale, internazionale (38 trasferimenti dalla Germania) e che ha svolto missioni anche in Azerbaigian e Armenia.

"La Regione aveva già investito su questa struttura che col tempo ha realizzato una sinergia con il mondo del volontariato che è unica e che si è dimostrata strategica nei giorni dell'emergenza - ha detto la consigliera regionale Federica Fratoni - ora la sfida si sposta sullo scenario europeo e auspichiamo che il traguardo sia vicino".

Come CMR Paolini ha annunciato che il personale in questo momento è impegnato in un nuovo percorso formativo sulle calamità naturali e che a breve nel team dei soccorsi sarà inserita anche la figura del Tecnico del Soccorso Alpino per le emergenze in Montagna e, intanto, è in fase di ristrutturazione il Modulo Sanitario Regionale: la tenda per per le grandi emergenze di oltre 300mq con le sale per il trattamento dei pazienti in relazione alla gravità clinica oltre ad una area pediatrica. Come Cross gli operatori parteciperanno all'esercitazione per gestire i 21 posti letto monitorizzati del Treno Sanitario, un ulteriore mezzo messo a disposizione dalla Protezione Civile per la centrale pistoiese.

"Mi sembra che ci siano tutte le premesse per guardare davvero ad un future europeo della Centrale e - ha aggiunto Sostegni- nel caso specifico di questa esperienza la formula che ha funzionato è stata l'integrazione tra personale il sanitario e il Volontariato”.

Congratulazioni alla Cross sono giunte anche dal capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, che ha scritto al Presidente della Regione Eugenio Giani per esprimere alla regione Toscana un sentito ringraziamento per il contributo assicurato tramite la Cross nel corso dell'emergenza pandemica. "Il direttore della Cross - ha scritto Curcio- dottor Piero Paolini e i suoi collaboratori hanno svolto un encomiabile lavoro di grande professionalità e disponibilità assicurando il coordinamento del trasferimento dei pazienti critici tra le regioni".

All'incontro di oggi a Pistoia hanno partecipato tra gli altri Andrea Nicolini , direttore area emergenza e urgenza 118 USL Toscana Nord-ovest; Daniele Lucarelli, coordinatore regionale Esculapio; Giulia Favi e Simona Podestà, di Anpas Toscana; Filippo Pratesi di Misericordie Toscana.