L'infrastruttura

La Regione Toscana cura la progettazione della Ciclovia del Sole Pistoia-Campi Bisenzio

La parte di progettazione legata al tratto fra Pistoia e Campi Bisenzio della "Ciclovia del Sole" lo curerà direttamente Regione Toscana: si tratta di una infastruttura fondamentale dal punto di vista turistico e di impatto ambientale.

La Regione Toscana cura la progettazione della Ciclovia del Sole Pistoia-Campi Bisenzio
20 Novembre 2020 ore 15:10

Con un finanziamento regionale di 400.000 euro, la Regione Toscana sosterrà la progettazione preliminare del tratto toscano (Pistoia – Campi Bisenzio – Firenze) della Ciclopista del sole Verona-Firenze.

400mila euro per la progettazione della Ciclovia del Sole dalla Regione

Le risorse, suddivise in due anni (150.000 euro nel 2020 e 250.000 euro nel 2021), serviranno per compiere un ulteriore, imprescindibile, passo verso la realizzazione dell’opera, inserita in un protocollo d’intesa sottoscritto nel 2016 dal MIT e dalle Regioni Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Toscana.

“La Ciclovia del sole, come le altre grandi infrastrutture ciclo-pedonali che la Toscana sta realizzando e progettando lungo tracciati di grande valenza sociale, ambientale o turistica, è frutto di un serrato lavoro di collaborazione istituzionale – spiega l’assessore regionale alle infrastrutture Stefano Baccelli – e presuppone un importante lavoro di progettazione condiviso con gli enti locali. Il nostro obiettivo è potenziare sempre più la dotazione infrastrutturale ciclabile, a vantaggio sia di chi sceglie la bicicletta per i propri spostamenti quotidiani, sia del cicloturismo, settore in forte crescita in Europa che si sposa perfettamente con l’idea di un turismo più sostenibile e consapevole. Da sottolineare inoltre che questo tratto della Ciclovia del Sole va a interessare la Piana fiorentina, connettendosi col sistema di piste ciclabili del futuro Parco della Piana e con la ciclo-superstrada Firenze-Prato”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità