Menu
Cerca
POLITICA

Terremoto in giunta a Montecatini: la risposta dei Bagnaioli al sindaco e all’ex assessore Volpi

Il gruppo consiliare: "Negli ultimi due giorni abbiamo assistito ad esternazioni anche del sindaco rispetto alle quali occorre ricordare alcuni fatti sotto gli occhi di tutti".

Terremoto in giunta a Montecatini: la risposta dei Bagnaioli al sindaco e all’ex assessore Volpi
Politica Valdinievole, 26 Marzo 2021 ore 13:09

“Negli ultimi due giorni abbiamo assistito ad esternazioni del ex Assessore Volpi e del Sindaco rispetto alle quali occorre ricordare, soprattutto a questi ciarlieri personaggi, alcuni palmari fatti, reali, tangibili, sotto gli occhi di tutti”.

Volpi si dimette: la risposta dei Bagnaioli

Inizia così il comunicato dei Bagnaioli (Montecatini Terme) appena arrivato in redazione, sulla questione delle imminenti dimissioni di Federica Pinochi, assessore al turismo espressione degli stessi Bagnaioli, e delle successive parole del sindaco Baroncini, che dovrà nominare un nuovo assessore (favorita Federica Rastelli di FdI), e delle polemiche innescate dall’ex assessore Volpi, che era stata costretta a lasciare il posto proprio a Pinochi. “Mi hanno sacrificato per inciuci della vecchia politica – ha detto l’ex assessore a cultura e sociale della Lega – Montecatini è in mano sempre ai soliti personaggi che fanno bello e cattivo tempo.

Il comunicato dei Bagnaioli prosegue:

“A Volpi rammentiamo che la necessità di individuare una figura competente nella materia del turismo da nominare Assessore, è scaturita da una delibera di consiglio comunale votata all’unanimità e non dalle ubbie di uno o due consiglieri assetati di potere.
Lei dice che il posto si sarebbe dovuto creare rinunciando al tecnico. Ma su questa scelta il gruppo I bagnaioli non è mai entrato ed è stata esclusivo appannaggio del Sindaco e del suo partito, appunto la Lega. Quindi lei continua, in modo del tutto inopportuno, ad incolpare altri di responsabilità di soggetti a lei vicini o già vicini, lei si professa donna della Lega, ma evidentemente la Lega non la ritiene una sua donna, altrimenti non l’avrebbe scaricata a seguito di una riunione di tuti i consiglieri, senza essere stata nemmeno convocata, ne informata, per leggere della sua defenestrazione dai media. In ogni caso nessun mandato degli elettori è stato tradito: lei ha accettato di dimettersi dal ruolo di consigliere per assumere quello di Assessore, volontariamente e consapevolmente, almeno si ritiene.

I consiglieri Gabbani e Guelfi rappresenterebbero i “poteri forti”? Ma quali sarebbero questi poteri forti? Lasci la mano dopo avere tirato il sasso e cerchi di recuperare il senso delle proporzioni che sembra proprio avere smarrito.

È indispensabile che la signora Volpi faccia pace con se stessa e metabolizzi il suo allontanamento dalla Giunta, poltrona alla quale sembra ancora romanticamente attaccata, visto che ad ogni piè sospinto ritorna sull’argomento. Potrebbe aiutarla il fatto che i “due consiglieri” e l’Assessore nominato, alla poltrona hanno rinunciato, non appena hanno visto l’impossibilità di dare un contributo efficace e reale all’amministrazione di questa città, cosa che le sembra sfuggire. In questo modo – da innamorata della città – potrebbe giovarsi del fatto di non fare più parte di questa cabina di regia cittadina.

Al Sindaco possiamo solo dire che le sue esternazioni fanno tenerezza, si mostra una canna al vento in balia della più flebile brezza; davvero vuole farci credere che il disastro del suo mandato sia tutto ascrivibile alla pandemia? Ma lo vede il mondo che ci circonda? È colpa della pandemia se la sua Giunta si sta rendendo ridicola urbi et orbi perché da 1 anno non riesce a nominare un RUP?

Questo lo chiediamo anche agli altri partiti di maggioranza solitamente prodighi di messaggi e post sui social, ma su questo muti. È questo che volevate per la città? Non vi viene voglia di affrancarvi da questo disastroso percorso amministrativo? Perché è opportuno che usciate dalla permanente contraddizione. O esprimete quello che a microfoni spenti ci dite, oppure quando ci vediamo in ambito privato, manifestateci tutto il vostro entusiasmo nel sostenere la giunta migliore di sempre.

Siamo certi che il Sindaco – nonostante sarebbe il passo più responsabile – non prenderà atto dello stato delle cose alzando bandiera bianca, e allora che nomini un Assessore al turismo competente, mantenendo fede all’indirizzo del Consiglio”.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli