la proposta

Terme Montecatini, emendamento al Defr di Fratoni (Pd) per tutela e valorizzazione del patrimonio

All'interno del DEFR 2022 della Regione Toscana un emendamento proposto dalla consigliera del Pd, Federica Fratoni, in merito alla valorizzazione necessaria del patrimonio e la sua tutela in caso di vendita.

Terme Montecatini, emendamento al Defr di Fratoni (Pd) per tutela e valorizzazione del patrimonio
Politica Valdinievole, 28 Luglio 2021 ore 16:04

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dalla consigliera regionale del Partito Democratico, Federica Fratoni, in merito all'emendamento presentato al DEFR della Regione Toscana 2022 su alcuni aspetti da puntualizzare sulle  Terme di Montecatini

Ancora Terme di Montecatini al centro del dibattito politico

Nell'ambito della discussione sul Documento di Economia e Finanza 2022 della Regione Toscana si è affrontato,  ancora una volta, il tema delle Terme di Montecatini grazie ad un emendamento presentato dalla consigliera  regionale del Partito Democratico, Federica Fratoni. Nello specifico, partendo dalla presa d'atto del processo di  privatizzazione che oramai è stato avviato dai soci pubblici, vengono posti alcuni paletti ineludibili per la tutela e la  ulteriore valorizzazione del patrimonio termale, proprio adesso che Montecatini ha ottenuto il riconoscimento come  sito riconosciuto dall’Unesco.

«Il bando per l'aumento di capitale, che è in fase di predisposizione, dovrà contenere alcuni requisiti fondamentali – ha spiegato la consigliera Fratoni – Il primo è che lo statuto proposto dovrà contemplare  disposizioni a tutela dei soci pubblici, Regione e Comune, che rimarranno nell'assetto proprietario,  seppur con quote minoritarie. Il secondo è che gli investimenti programmati dal privato investitore  dovranno realizzare le finalità previste nel piano industriale vigente che sta alla base della concessione  mineraria rilasciata dal Comune. Per intendersi: non tutti gli interventi saranno possibili, ma solo quelli  funzionali a valorizzare la risorsa termale e a produrre ricadute positive per l'economia del territorio e  l'occupazione.

Il terzo, che è anche il più importante, riguarda il Tettuccio per il quale la modifica prevede che venga in  ogni caso garantita la piena fruibilità pubblica, essendo lo stabilimento un elemento di forte identità per il  territorio, simbolo del termalismo nel mondo e centro di riferimento socio culturale della città e dell'intera Valdinievole».