Spostamento del Tribunale di Pistoia, la risposta della maggioranza: "Per il Pd un nervo scoperto"

Prosegue il dibattito politico sul "no" arrivato in consiglio comunale di inserire nel piano operativo del Comune la possibilità di spostare il Tribunale di Pistoia da piazza Duomo all'area ex Ceppo: ecco il documento condiviso da parte dei capigruppo di maggioranza.

Spostamento del Tribunale di Pistoia, la risposta della maggioranza: "Per il Pd un nervo scoperto"
Politica Pistoia, 28 Gennaio 2020 ore 16:52

Dopo il preciso guanto di sfida lanciato dal capogruppo del Pd, Walter Tripi, arriva il documento condiviso da tutti i capigruppo della maggioranza che appoggia il sindaco Alessandro Tomasi: "si tratta di una polemica strumentale, lo spostamento del Tribunale di Pistoia da piazza Duomo all'area ex Ceppo è evidentemente un nervo scoperto".

"No" allo spostamento del Tribunale, le ragioni della maggioranza in Comune di Pistoia

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dai capogruppo di maggioranza in Consiglio Comunale sul tema del possibile spostamento del Tribunale da Piazza Duomo nell'area ex Ceppo, la cui decisione non è stata inserita all'interno del piano strutturale del Comune, attualmente in discussione.

La comunicazione è a firma: Lorenzo Galligani (Fratelli d’Italia), Gabriele Gori (Lega Salvini Premier), Iacopo Vespignani (Pistoia Concreta), Iacopo Bojola (Forza Italia / Centristi Per L’Europa), Paola Calzolari (Amo Pistoia).

Dal Partito Democratico una polemica del tutto strumentale, evidentemente abbiamo toccato un nervo scoperto: no allo spostamento di funzioni dal centro storico, no ad una Piazza del Duomo vuota e disponibili ad una riflessione che passi attraverso il piano delle funzioni.
In merito alle considerazioni espresse dal Capogruppo Tripi durante il Consiglio Comunale odierno la ricostruzione appare propagandistica e fantasiosa. A fronte di un emendamento a firma Pistoia Spirito Libero non votabile perché sprovvisto di regolarità tecnica si è aperta la discussione che ha portato il Partito Democratico sulla scomoda posizione di proporre lo svuotamento del Palazzo Pretorio, che si affaccia sulla Piazza del Duomo, senza nemmeno proporre alternative circa l’utilizzo del Palazzo Pretorio stesso. Il Partito Democratico, in sostanza, proporrebbe di lasciare vuoto un intero lato della principale piazza della nostra città e di allontanare ulteriori funzioni dal centro storico. L’Amministrazione e i gruppi politici che la sostengono, certamente sensibile alle problematiche rappresentate dall'attuale assetto degli Uffici Giudiziari cittadini, sparpagliati su più sedi, non può permettersi di fare campagna elettorale lanciando temi scollegati da un serio ed articolato retroterra progettuale. Rimane ferma la volontà della maggioranza di riportare funzioni nel centro storico, come testimoniato dallo spostamento degli uffici delle società partecipate in via Matteotti.

LEGGI ANCHE: "No" allo spostamento del Tribunale, l'affondo del Pd al sindaco Tomasi