Politica
POLITICA

Serravalle, Fratelli d'Italia, Cangemi replica a Bardelli: "Con me iscritti raddoppiati"

Il Giornale di Pistoia ha intervistato il Luca Cangemi, portavoce di FdI a Serravalle, a seguito della cui nomina, in sostituzione proprio di Elena Bardelli, si è innescata la polemica.

Serravalle, Fratelli d'Italia, Cangemi replica a Bardelli: "Con me iscritti raddoppiati"
Politica Piana, 25 Luglio 2021 ore 11:46

Nei giorni scorsi Elena Bardelli ha annunciato al nostro settimanale la nascita di una “sua” lista civica, in risposta ad aspettative rimaste deluse o disattese.
Il Giornale di Pistoia stavolta ha intervistato il Luca Cangemi, portavoce di FdI a Serravalle, a seguito della cui nomina, in sostituzione proprio di Elena Bardelli, si è innescata la polemica che ancora non si placa.

L'intervista uscita venerdì 16 luglio

La decisione di rimuovere dal suo incarico e sostituire Elena Bardelli, potrebbe avere ripercussioni negative sulle elezioni, signor Cangemi?
«Non credo che ci potranno essere ripercussioni negative. Come si dice, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, vedremo cosa succederà. Al momento registriamo che la signora Bardelli con queste dichiarazioni si è messa fuori dal partito. Ce ne faremo una ragione e continueremo a fare il nostro lavoro come Fratelli d’Italia».

Elena Bardelli si è definita meloniana, fiera assertrice di principi sociali che sente come inderogabili, perché allora sostituirla? L’interessata ha affermato di non conoscere le ragioni di questa decisione.
«Ognuno può definirsi come vuole, certo è che definirsi meloniana ed essere contemporaneamente contro il partito della Meloni mi sembra un atteggiamento politico alquanto contraddittorio. Al momento del conferimento del mio incarico ho chiesto al senatore La Pietra il motivo della destituzione della Bardelli e lo stesso mi ha informato di averla destituita perché aveva avuto un comportamento non adatto ad un portavoce. Ella, infatti, aveva comunicato al senatore e ad altri esponenti del partito di aver avuto dai carabinieri informazioni negative su un nostro consigliere comunale. Facendo le opportune verifiche con l’Arma è emersa una versione completamente diversa: anzi lo stesso consigliere veniva definito persona seria e professionista stimato. Alla luce di questo le è stato tolto l’incarico, e le sono state comunicate anche le motivazioni tramite email. Quindi non capisco perché dica che non sa il motivo, anzi mi meraviglio che non lo abbia mai detto ma invece ha sempre ipotizzato motivazioni diverse da quanto contenuto nella email...».

Elena Bardelli parla anche di un’ azione politica che ha distrutto il circolo di Serravalle e delle mancate risposte da parte sua, alle varie richieste degli iscritti.
«Non so a cosa si possa riferire. Quando sono stato nominato, i primi di dicembre, il circolo era composto da 31 tesserati, alla fine dell’anno c’erano 69 iscritti. Se questo significa azzerare un circolo, sinceramente non capisco. Appena nominato ho inviato un messaggio a tutti gli iscritti mettendomi a disposizione, ed una decina di loro, amici della Bardelli mi hanno risposto che con me non avrebbero mai parlato...Poi più o meno gli stessi mi chiedono in un altro momento di convocare il circolo, sempre in maniera molto perentoria. Non mi sembra un atteggiamento costruttivo né accettabile. C’è un coordinamento comunale, che ho nominato, rappresentativo del territorio di mia fiducia con cui mi confronto insieme al gruppo consiliare e ai tesserati, comunichiamo le informazioni con i mezzi a disposizione».

Elena Bardelli sul nostro giornale ha parlato anche di una strategia trasversale in FdI, generatrice di compromessi che riterrebbe inaccettabili. Lei sa a che cosa si riferisce la ex consigliera?
«Non saprei, se si riferisce al fatto che il partito sta crescendo e questo porta anche persone provenienti da altre esperienze ad entrare non vedo quale sia il problema. La strategia portata avanti da FDI a Pistoia e dal senatore La Pietra in questi ultimi anni ha portato a vittorie importanti come Pistoia, Abetone, Agliana, Montecatini e la stessa Serravalle, dove aveva sempre governato il PD. Ma anche qui la Bardelli, se non ricordo male, non partecipò. Poi Pistoia è la provincia con la miglior percentuale della regione per FdI, senza contare che è la seconda provincia per il numero di iscritti dopo Prato. Se queste sono strategie sbagliate, meno male sbagliamo...». Il nuovo soggetto politico si propone di occuparsi dei problemi della discarica, degli asili nido e dell’istruzione e formazione anche per i disabili.

Che risponde Cangemi a chi dice che sono temi che l’amministrazione attuale trascura?
«L’amministrazione attuale paga sicuramente l’inesperienza della stragrande maggioranza della giunta, il poco ascolto alle forze politiche, ma questo anno di pandemia è stato un problema per tutti i comuni e non è stato facile per nessuno, sicuramente poteva essere fatto di più e meglio. Per quanto ci riguarda il nostro gruppo consiliare ha più volte sollecitato la giunta ad essere più puntuale e precisa e da questo versante dobbiamo registrare poca considerazione che faremo sicuramente presente al momento opportuno, per il resto continueremo a lavorare e ad essere a disposizione della cittadinanza».

Elena Bardelli non dice il nome del candidato sindaco della sua lista ma dichiara che la lista è a disposizione di coalizioni credibili. Potrete collaborare?
«Al momento c’è un sindaco uscente, poi nei prossimi mesi vedremo cosa farà Lunardi e se ci saranno novità, certamente partiremo sempre da un confronto con i partiti di centro destra. Siamo sempre disponibili ad ascoltate proposte e contributi da chiunque, appunto se credibili. Ma non credo ci siano le condizioni per collaborare con l’eventuale lista Bardelli, con chi sbatte la porta criticando in maniera impropria e fuori luogo il piatto dove ha mangiato. Politicamente parlando, non si può collaborare».