Politica
POLITICA

Provincia di Pistoia, accolta la richiesta di Fratelli d'Italia per la diminuizione del canone unico patrimoniale

Dopo mesi di battaglie, quest’oggi in Consiglio Provinciale, anche la maggioranza del Partito Democratico ci ha dato ragione apportando alcune modifiche al regolamento così come avevamo chiesto a più riprese

Provincia di Pistoia, accolta la richiesta di Fratelli d'Italia per la diminuizione del canone unico patrimoniale
Politica Pistoia, 29 Luglio 2022 ore 11:17

Con l’approvazione delle modifiche al Regolamento del canone unico patrimoniale di questa mattina, venerdì 29 Luglio 2022, in Consiglio Provinciale verranno ridotte, così come chiesto da Fratelli d’Italia, le cifre che i cittadini e le imprese del nostro territorio dovranno pagare per gli accessi sulle strade provinciali.

La nota

"Il nostro gruppo consiliare si è opposto fin da subito all’aumento del canone, unico gruppo a votare contrariamente alla proposta di delibera 379 nel Consiglio del 26 Febbraio del 2021. Da quel momento in poi la battaglia portata avanti dal nostro partito si è mossa su più fronti: interrogazioni, ordini del giorno, incontri con le categorie, articoli di giornale ed un aiuto concreto ai cittadini per comprendere i motivi (assenti) dell’aumento e il metodo di calcoli.

Dopo mesi di battaglie, quest’oggi in Consiglio Provinciale, anche la maggioranza del Partito Democratico ci ha dato ragione apportando alcune modifiche al regolamento così come avevamo chiesto a più riprese. Ci teniamo a precisare che queste modifiche non andranno a modificare gli avvisi già arrivati alle famiglie ma saranno valide dalle prossime annualità (dal 2022 in poi).

Innanzitutto si è tornati al calcolo del solo metro lineare per il calcolo della tariffa degli ex passi carrabili, abbandonando l’assurda situazione che portava il cittadino a pagare sul metro quadrato. È stata abbassata la cifra massima per accedere alla rateizzazione in modo da agevolare il pagamento da parte di cittadini ed imprese con grandi accessi sulla strada. Inoltre, alcuni dei coefficienti che concorrono al calcolo della cifra da pagare sono stati ritoccati verso il basso ed è stata introdotta nel regolamento la possibilità di suddividere l’avviso fra i vari proprietari che accedono dal solito passo.

Considerato tutto questo ci riteniamo soddisfatti del lavoro che abbiamo fatto per aiutare il territorio e tutti coloro che ci vivono e fanno impresa. Il nostro impegno continuerà nel vigilare su come saranno spese queste somme. L’indirizzo che cercheremo di dare al Consiglio, per quanto compete alla minoranza, è quello di impegnare i fondi ottenuti dal canone unico patrimoniale sulla manutenzione straordinaria e ordinaria di tutta la viabilità provinciale", concludono i firmatari: Francesca Capecchi, Andrea Tonarelli, Lorenzo Vignali.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter