NOVITA'

Ponte all'Abate, 900mila euro dalla Regione per la messa in sicurezza

"Riusciamo così a dare piena risposta ad un impegno che l'anno passato - afferma il consigliere delegato alla viabilità Nicola Tesi - grazie all'interessamento dei Consiglieri Regionali Federica Fratoni e Marco Niccolai,

Ponte all'Abate, 900mila euro dalla Regione per la messa in sicurezza
Politica Valdinievole, 15 Luglio 2021 ore 18:29

I problemi del Ponte all'Abate volgono al termine. Con la delibera n. 711 del 12.07.2021 della Giunta Regionale Toscana si è provveduto a stanziare la somma di € 900.000 per la messa in sicurezza ed adeguamento sismico del Ponte all'Abate.

Il consigliere della provincia Tesi

"Riusciamo così a dare piena risposta ad un impegno che l'anno passato - afferma il consigliere delegato alla viabilità Nicola Tesi - grazie all'interessamento dei Consiglieri Regionali Federica Fratoni e Marco Niccolai, che avevano assicurato lo stanziamento delle risorse necessarie per la realizzazione della manutenzione straordinaria. Voglio sentitamente ringraziare il Presidente Eugenio Giani e l'Assessore Stefano Baccelli per la pronta risposta a questa problematica riguardante principalmente il territorio pesciatino ed il distretto cartario.

Con questa deliberazione grazie al lavoro eseguito dal servizio viabilità della Provincia di Pistoia dalla Geometra Beatrice Topazzi e dal suo staff ed alle interlocuzioni intercorse con la regione stessa, si procederà alla progettazione definitiva/esecutiva e successivamente con l'esecuzione dei lavori che risolverà completamente i pericoli emersi con le prove di vulnerabilità sismica. L'intervento riguarderà la totale messa in sicurezza del ponte sia per l'aspetto sismico che quello statico, in maniera tale che si potrà tornare nuovamente alla circolazione senza semafori, deviazioni e limitazioni in loco. L'avvio dei lavori è stimato entro la fine del corrente anno".

Il consigliere regionale Niccolai

«Da quando, a fine marzo, la Provincia di Pistoia, dopo aver concluso le approfondite verifiche tecniche di stabilità effettuate dall'Università di Pisa, ha quantificato i costi dell'intervento per riportare alla piena transitabilità il ponte di Ponte all'Abate, sono rimasto stupito della cifra emersa perché essa segnalava la necessità di interventi molto importanti e non certo banali sulla struttura: la stima di 900mila euro (100mila euro per la progettazione e 800mila per gli interventi) che era emersa dagli studi era ben superiore rispetto alle più pessimistiche previsioni fatte al momento della parziale chiusura del ponte e rappresentava il più alto stanziamento straordinario che la Regione era chiamata a fare in provincia di Pistoia, visto che i precedenti interventi sui ponti di strade regionali erano tutti di importo assai inferiore (300mila euro per il Ponte del Duomo a Pescia e 525mila euro per il ponte Torto a Quarrata).

In questi tre mesi mi sono confrontato più volte con l'assessore regionale alle Infrastrutture Stefano Baccelli e con la struttura tecnica della Regione: quelle risorse, quasi 1 milione di euro, andavano individuate subito per consentire di superare una problematica rilevante per le comunicazioni tra l'area della Valdinievole e quella lucchese. In soli tre mesi ce l'abbiamo fatta e voglio ringraziarli per aver ascoltato le mie ricorrenti sollecitazioni: adesso la Provincia di Pistoia ha gli strumenti e tutte le risorse che ha richiesto per intervenire sul ponte».

Lo dice Marco Niccolai, consigliere regionale Pd e presidente della commissione Aree interne, ricostruendo le ultime fasi della vicenda relativa ai lavori per il ripristino del ponte nella frazione di Ponte all’Abate (Pescia).