POLITICA

Pistoia, Pira-Noci-Rettore (Lega): "Definire Pasquetti un militante storico è un’offesa nei confronti di tutti quei militanti che ogni giorno si dedicano con passione alle attività del movimento"

"Oltretutto, da quando è rientrato abbiamo avuto modo di vederlo un paio di volte nel 2018 per poi non partecipare più, praticamente, quasi a nessuna nostra iniziativa"

Pistoia, Pira-Noci-Rettore (Lega): "Definire Pasquetti un militante storico è un’offesa nei confronti di tutti quei militanti che ogni giorno si dedicano con passione alle attività del movimento"
Politica Pistoia, 28 Gennaio 2021 ore 09:38

“Definire Pasquetti un militante storico è un’offesa nei confronti di tutti quei militanti che ogni giorno si dedicano con passione alle attività del movimento. Così in una nota i tre rappresentanti della Lega Pira, Noci e Rettore, commentando un comunicato che definiva Pasquetti un militante storico del partito.

La protesta

Pasquetti è entrato e uscito dal partito, negli anni, a proprio piacimento e, attualmente, era militante da ottobre 2017 (...proprio niente di storico). "Oltretutto, da quando è rientrato abbiamo avuto modo di vederlo un paio di volte nel 2018 per poi non partecipare più, praticamente, quasi a nessuna nostra iniziativa - dichiarano Sonia Pira, coordinatore provinciale del Carroccio, Roberto Rettore e Giancarlo Noci, rispettivamente coordinatori di Pistoia città e Quarrata. - Tanto è vero quello che dichiaro - continua Pira - che poco tempo fa ho inviato una richiesta di “declassamento” nei suoi confronti, spiegando che la sua partecipazione agli eventi e alle iniziative del partito era inusuale per un militante Lega, sia per quanto concerne le attività locali del movimento, quali i gazebo piuttosto che gli incontri pubblici, etc., sia per quanto riguarda gli eventi nazionali e regionali organizzati dal nostro Segretario Federale e/o dal partito, ai quali non ha quasi mai o, probabilmente, mai partecipato.”

"Sappiamo da qualche giorno della formazione di questa civica. È evidente che, mentre noi lavoravamo (e lavoriamo) per il bene dei cittadini, del territorio e del nostro partito, oltremodo in un momento così difficile di emergenza sanitaria ed economica, lui era concentrato, invece, a progettare e programmare la lista civica.” - continuano i tre esponenti del Carroccio - “Quest’anno i militanti in provincia sono cresciuti del 73,5% rispetto all'anno scorso - dichiara Sonia Pira - Come ho sempre detto, le nostre porte sono aperte per uomini e donne capaci e volenterosi. Onestamente, la sua fuoriuscita, considerato quanto suddetto, non ha scosso me né gli altri vertici locali. Non contemplava, certo, un'uscita pubblica che lui ha evidentemente "cercato" per promuovere la sua lista. Molti militanti e sostenitori, mi spiace dirlo ma non sanno neanche chi è, cmq lo ringrazio per avermi evitato gli ulteriori passaggi formali al suo declassamento. Gli facciamo un in bocca al lupo per la lista civica”, concludono i tre esponenti della Lega.