Menu
Cerca
Polemica politica

"Pistoia non ha da proporre idee per gli Uffizi Diffusi" l'affondo del segretario comunale del Pd Tripi

Primo affondo da neo segretario comunale del Partito Democratico per Walter Tripi che stuzzica il Comune sulle Mura Urbane e sul progetto "Uffizi Diffusi" che per ora non coinvolge la città ma altri luoghi della provincia.

"Pistoia non ha da proporre idee per gli Uffizi Diffusi" l'affondo del segretario comunale del Pd Tripi
Politica Pistoia, 28 Maggio 2021 ore 18:40

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dal segretario comunale del Pd, Walter Tripi, in merito alla situazione della cultura sul territorio del Comune di Pistoia con l'allarme sul possibile mancato coinvolgimento nel progetto degli "Uffizi Diffusi".

Tripi (segretario comunale Pd Pistoia) all'attacco sulla cultura

Quando la Giunta Tomasi non ha idee e sa di essere in difetto, o sta in silenzio o dà la colpa ad altri. Ma amministrare vuol dire anche prendersi le proprie responsabilità.

Mura Urbane: no Sindaco, il Comune non ha preso i fondi regionali per la riqualificazione semplicemente perché non aveva progetti idonei. La politica non c’entra proprio niente. Quel bando richiede progetti di valorizzazione storico-culturale e noi al massimo siamo riusciti a chiedere qualche euro per i mattoni. Bisogna dire la verità, altro che campagna elettorale.

Uffizi Diffusi: mentre il Direttore Schmidt va a visitare il resto della Provincia, da Pistoia non passa neanche semplicemente perché Pistoia non ha mai proposto neanche mezza idea. Una gigantesca vergogna, per un Capoluogo Capitale della Cultura solo pochi anni fa. E il silenzio della Giunta sul tema è imbarazzante per la città intera. D’altronde, abbiamo ancora il Museo Marini a candire in attesa che si sveglino.

Pistoia ha bisogno di altro: ha bisogno di più idee e meno conferenze stampa. E sì, ha anche bisogno di qualche sogno. All’incubo ci stiamo già arrivando con questo piattume politico fatto di “piccole cose” che non si risolvono comunque se non con l’inchiostro simpatico, e di “grandi cose” direttamente inesistenti.

Si riparte anche da qui. Spazio alle idee, che nel Partito Democratico non mancano. Con il vuoto pneumatico attuale, c’è posto a non finire.