POLITICA

Pistoia, Fratelli d'Italia non ci sta: "Ci sorprende l'accusa del Pd sui rincari della Tari"

"Sono stati approvati in sede Ato con voto favorevole di numerose amministrazioni Pd, ma con il voto contrario del Comune di Pistoia, che ha quindi provveduto ad avviare un’azione legale per contestare gli eccessivi e ingiustificati rincari contenuti nel Pef del 2020"

Pistoia, Fratelli d'Italia non ci sta: "Ci sorprende l'accusa del Pd sui rincari della Tari"
Politica Pistoia, 18 Giugno 2021 ore 09:42

Sulle accuse mosse dal Pd pistoiese e da circoli locali intorno ad esso gravitanti all’amministrazione di cdx sugli aumenti della Tari, interviene il gruppo consiliare Fdi: “Ci sorprende molto l’accusa del Pd di Pistoia rivolta al Sindaco Tomasi di essere il responsabile dei presenti e futuri aumenti della Tari” – esordisce la consigliera Francesca Capecchi, che prosegue - “occorre infatti ricordare che tali aumenti sono stati approvati in sede Ato con voto favorevole di numerose amministrazioni Pd, ma con il voto contrario del Comune di Pistoia, che ha quindi provveduto ad avviare un’azione legale per contestare gli eccessivi e ingiustificati rincari contenuti nel Pef del 2020”.

La consigliera Capecchi

Sugli interrati replica invece il capogruppo Francesco Pelagalli: “Si imputa poi alla realizzazione degli interrati nel centro storico di essere la vera causa degli aumenti, dimostrando così di non conoscere nemmeno da dove scaturisca la bolletta, dal momento che il Pef di questo anno è basato sui costi a consuntivo del servizio 2019”.

Proseguono i due consiglieri: “Tra le tante inesattezze, i colleghi di Csx dimenticano però di dire che il problema delle maggiorazioni nella tariffa è dovuto alla mancata realizzazione da parte della Regione degli impianti di smaltimento, la cui assenza costringe a portare fuori i confini regionali e nazionali i nostri rifiuti, con evidente levitazione dei costi.

In ultimo, il riferimento alla vicenda del Liceo Petrocchi, ci sembra davvero soltanto un pretesto per alimentare negativamente il dibattito, vista la presenza di contenitori per i rifiuti in via dei Servi, a circa 100 mt dalla scuola”.

Conclude infine il gruppo consiliare  con Capecchi, Pelagalli e  tutto il gruppo: “La realtà è che fino al 2017, il sistema di raccolta differenziata non è mai stato davvero nell’agenda politica dei Sindaci, mentre adesso questa amministrazione sta portando avanti un progetto che coinvolge tutta la città, con soluzioni diverse in base al territorio”.