Pescia e la Montagna insieme per capire il futuro del ruolo del Cosea

Tavolo di discussione fra Pescia e la montagna Pistoiese per capire il futuro ruolo della società Cosea che si occupa dello smaltimento rifiuti sul territorio. Ma il sindaco di Pescia risponde anche alle accuse di Carlo Vivarelli (Partito Indipendentista) di San Marcello.

Pescia e la Montagna insieme per capire il futuro del ruolo del Cosea
Valdinievole, 15 Gennaio 2020 ore 14:39

Il sindaco di Pescia Oreste Giurlani ha partecipato sabato scorso a un incontro a S.Marcello Pistoiese che aveva come argomento all’ordine del giorno la costituzione di un tavolo di lavoro per determinare i servizi che la società Cosea, dopo le varie ristrutturazioni avvenute, può offrire in ambito pubblico e non solo.

Giurlani a San Marcello per parlare di Cosea

Insieme a Giurlani e all’assessore Fabio Bellandi c’erano Luca Marmo, sindaco di S.Marcello Piteglio, con il vicesindaco Roberto Rimediotti, e il sindaco di Marliana Marco Traversari, ovvero i rappresentanti dell’area toscana di Cosea Consorzio Servizi Ambientali Spa.

“Per tutti noi Cosea è una società importante, che può continuare a svolgere servizi utili agli enti e ai cittadini – ha commentato al termine della riunione Oreste Giurlani-. Il tavolo tecnico metterà a fuoco tutto questo e siamo fiduciosi nel futuro dell’attività di questo soggetto che si occupa della conclusione della discarica di Gaggio Montano ma ha ancora molte potenzialità”.

Con l’occasione il sindaco di Pescia Oreste Giurlani fa alcune precisazioni in merito alle esternazioni di Carlo Vivarelli, consigliere comunale di S.Marcello Piteglio.

“Vivarelli mi chiama in causa con alcune affermazioni non vere- dice il primo cittadino pesciatino-. Infatti se sono d’accordo con lui che quello che chiama mercato dei territori sia qualcosa di negativo, ho sempre anche detto che il sindaco deve accettare in tutto e per tutto il volere dei cittadini. In questo senso io non ho fatto alcuna pressione di nessun genere per Crespole e Lanciole. Se poi i cittadini vorranno cambiare comune, ne prenderemo atto. Assolutamente falso poi che Pescia voglia confluire nell’unione dei comuni dell’Appennino Pistoiese e anche che io sia o sia stato favorevole a una manovra contro l’ospedale di S.Marcello Pistoiese. Basta riprendere quello che ho detto e che è documentato nella mia pagina facebook e Vivarelli scoprirà che mi sono sempre battuto affinché l’assistenza sanitaria fosse garantita al massimo livello in città come in qualunque altra parte del territorio. Se Vivarelli ce l’ha con me sono problemi suoi, ma non deve attribuirmi posizioni o intenzioni che non ho mai avuto o espresso”.

LEGGI ANCHE: Carlo Vivarelli sulle eventuali annessioni di Crespole e Lanciole a Pescia

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei