Politica
il bilancio

Il 2021 di "Pescia Cambia". Vannucci: "Anno difficile, a luglio aspettiamo di nuovo Giurlani alla guida"

Il 2021 nel resoconto di fine anno del capogruppo di "Pescia Cambia", Adriano Vannucci. "Un giornale locale (Giornale di Pistoia, ndr) ci ha dato uno dei voti più alti sull'operato dell'anno della Giunta: si conferma quello che pensa la gente".

Il 2021 di "Pescia Cambia". Vannucci: "Anno difficile, a luglio aspettiamo di nuovo Giurlani alla guida"
Politica Valdinievole, 31 Dicembre 2021 ore 16:38

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di bilancio di fine 2021 scritto da Adriano Vannucci, capogruppo in consiglio comunale di "Pescia Cambia" che sostiene la maggioranza in Comune a Pescia.

Il 2021 secondo "Pescia Cambia" con Adriano Vannucci

“Si chiude il 2021, un anno davvero difficile per la nostra comunità, per le famiglie e le imprese, un anno che ha visto la pandemia arretrare, trasformarsi e ora riprendere vigore. E' stato un anno difficile anche per l'amministrazione comunale, iniziato con la sospensione del nostro sindaco, ai sensi della discutibile legge Severino,  e con le tante situazioni critiche che si sono susseguite fino ad oggi.

Siamo comunque riusciti, grazie al forte lavoro di squadra e alla volonta' di realizzare il nostro programma, ad affrontare tutte queste situazioni con passione e senso di responsabilita', mettendoci la faccia e ,nonostante la pandemia, a rilanciare investimenti e nuovi progetti per favorire il percorso della ripartenza. In questo anno ci sono stati o sono ancora attivi più di 10 cantieri importanti per investimenti di circa 3 milioni di euro e altri partiranno già dal prossimo gennaio. Insieme a tutto questo voglio anche ricordare l'impegno straordinario per fronteggiare la pandemia, che ormai continua dall'anno scorso, e che ha consentito di distribuire oltre un milione  di mascherine alla nostra popolazione, unico comune che ha continuato ininterrottamente la distribuzione interpretando un bisogno concreto dei nostri concittadini sotto ogni profilo.

In questa ottica il mio ringraziamento va ai consiglieri del nostro gruppo, alla giunta guidata da Guja Guidi che con passione, dedizione e senso di responsabilità non hanno mai abbassato la guardia ma , al contrario, hanno moltiplicato l'impegno e i risultati. Un anno che nonostante tutte le difficoltà ha visto il nostro gruppo riunirsi ben 17 volte per confrontarsi e prepararsi per I lavori istituzionali concretizzatisi in ben 27 commissioni e 24 consigli comunali.

Un lavoro difficile, impegnativo per questi uomini e donne che si sono impegnati senza risparmio, credono ancora di più agli obbiettivi del programma e vogliono consegnare a luglio quando il nostro sindaco tornerà, libero dalla legge Severino, un comune pronto per lo sprint finale!!! In questo contesto non può che dare soddisfazione che un giornale locale, in un suo servizio sulla valutazione di sindaci e giunte della provincia di Pistoia , attribuisca a noi un voto fra i più alti proprio per il lavoro svolto in questo periodo cosi difficile. A noi questa sembra più o meno una valutazione espressa dalla maggior parte della popolazione, senza contare un gruppo di irriducibili che continua ad attaccare questo operato a prescindere del punto vero delle azioni e del programma, magari ieri coprotagonisti di scelte davvero deleterie per Pescia.

E proprio questo nostro lavoro di squadra e di spirito civico ha portato un altro risultato insperato, l'elezione di un nostro membro, la nostra Zaira Vinci, nel consiglio provinciale. Soddisfatti perché dopo anni rivediamo un pesciatino  in quell'ente ma soprattutto una presenza che speriamo possa recuperare anni di sottovalutazione se non di vero abbandono del nostro territorio, ridando dignità e qualità ad infrastrutture e servizi fondamentali, strade, scuole, impianti sportivi, prioritari per la nostra comunità e non solo. A tutti voi il mio personale, insieme a quello del gruppo consiliare Pescia cambia e della giunta, augurio di un buon anno nuovo, nella speranza che lo sia davvero, ricco di salute e di nuove vette da scalare”.