Politica
il dibattito

Il Pd di Pistoia richiama gli altri partiti per la coalizione 2022: "Presentati agli altri in modo aperto"

Qualche schermaglia nel centrosinistra in vista del varo della coalizione 2022 per le amministrative a Pistoia ed il Pd fa alcune puntualizzazioni.

Il Pd di Pistoia richiama gli altri partiti per la coalizione 2022: "Presentati agli altri in modo aperto"
Politica Pistoia, 11 Ottobre 2021 ore 11:43

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della segreteria comunale del Pd di Pistoia in merito al percorso per il lancio della coalizione per le amministrative 2022 nel capoluogo.

Pd comunale di Pistoia richiama gli alleati: "Serve percorso condiviso"

La posizione del PD per la costruzione delle alleanze in vista del 2022 è chiara da alcuni mesi: un confronto quanto più franco e largo possibile su ciò di cui ha bisogno Pistoia per tornare a crescere ed uscire da immobilismo e fuochi di paglia della Giunta Tomasi. È la posizione che abbiamo spiegato sia alle singole forze politiche che, soprattutto, in un primo Tavolo Politico convocato nelle scorse settimane. A quel tavolo il PD ha proposto e chiesto una cosa chiara: fare tutti mezzo passo indietro, per costruire un confronto di merito che faccia fare alla città dieci passi avanti. Sapevamo che non sarebbe stato scontato né semplice, ma è ciò di cui Pistoia ha bisogno. E non cambiamo idea oggi. In quella sede, abbiamo lanciato un percorso che andasse ad approfondire i temi di merito: spiace vederlo direttamente sui giornali, ma proprio perché la nostra idea non cambia andremo avanti con coerenza su questa impostazione. Noi non siamo qui per vincere, siamo qui per arrivare a governare meglio Pistoia e darle un futuro di valori, sviluppo, cultura e inclusione.

Come Partito Democratico sappiamo di avere una responsabilità in più delle altre forze politiche: per questo ci siamo presentati in modo aperto e senza percorsi già stabiliti, su metodo, programmi e candidature. La stessa responsabilità, però, deve esserci da tutti oppure verrà meno la nostra: non accettiamo veti incrociati e vogliamo concentrarci sulle azioni da compiere per una Pistoia migliore. La sinistra è già riformismo e cambiamento.

Continueremo a invitare al Tavolo tutte le forze che si sono opposte al vuoto di Tomasi: sarà lì che confronteremo i programmi, troveremo punti di unione ed eventualmente punti di differenza. L’auspicio è di trovare la volontà di fare questo confronto che può portare Pistoia ben più lontano: dividersi non fa che aiutare chi oggi governa.

Walter Tripi
Segretario Comunale PD Pistoia