duro affondo

Montecatini, le accuse di Italia Viva sul consiglio secretato: "State scrivendo la pagina più triste della nostra storia"

Il gruppo consiliare di Italia Viva di Montecatini Terme attacca l'amministrazione comunale alla luce della gestione della questione Terme: ecco alcuni passaggi del discorso in aula.

Montecatini, le accuse di Italia Viva sul consiglio secretato: "State scrivendo la pagina più triste della nostra storia"
Politica Valdinievole, 14 Luglio 2021 ore 09:11

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del gruppo consiliare di Montecatini Terme di Italia Viva, con Gianna Rastelli ed Edoardo Fanucci, in merito all'intervento fatto durante il consiglio comunale "secretato" sulle Terme di martedì 13 luglio 2021.

Italia Viva all'attacco dell'amministrazione Baroncini a Montecatini Terme

“Oggi state scrivendo la pagina più triste della nostra storia, finisce un sogno, finiamo in un incubo.” Con queste parole il gruppo di Italia Viva ha introdotto il proprio intervento in Consiglio Comunale. Ecco, di seguito, alcuni passaggi del suo prosieguo, schematicamente riportati dal capogruppo Edoardo Fanucci:

Terme di Montecatini: zero visione, una mossa di sola disperazione. Questa privatizzazione è sbagliata, temiamo una pericolosa speculazione. Chi oggi vota favorevolmente a questa sconsiderata privatizzazione mette in pericolo un’azienda, un’economia locale e territoriale, una comunità tutta. Da parte nostra, come gruppo di Italia Viva in Consiglio comunale, esprimiamo un voto contrario, senza se e senza ma, a quella che riteniamo una mossa azzardata e senza fondamento.

Quale progetto industriale si intende perseguire? Quale priorità di investimento si vuole realizzare? Quale partner specializzato nel settore termale, con comprovata solidità ed esperienza, si intende coinvolgere? Zero risposte. Come zero sono i soldi che, dal suo insediamento ad oggi, l’Amministrazione Baroncini ha investito sulle nostre terme. Non c’è buon vento per chi non sa dove andare. Ecco la nostra più convinta e motivata critica e opposizione al Sindaco Baroncini ed alla sua maggioranza. Non c’è visione. Solo “galleggiamento politico”, non una pianificazione, non una priorità, non un’idea.

Le conseguenze? Inseguire e sposare tutto ciò che gli si presenta davanti. Un esempio? Guild Living con il suo fantasmagorico progetto di costruire più di mille appartamenti in pineta e nella collina delle Panteraie. Oggi lo schema si ripropone ma con un’aggravante. La cessione della maggioranza delle Terme, inseguita solo a seguito di una generica manifestazione di interessi a cura di non chiari fondi di investimento, ci fa perdere ogni possibilità di incidere nel futuro e di sperare in una rinascita della nostra città. L’alternativa c’è ed è quella su cui ci battiamo fin dal nostro insediamento: Tettuccio acquisito dalla Regione Toscana, per una sua riqualificazione e valorizzazione. Torretta acquisita dal Comune di Montecatini Terme, per una sua riqualificazione e valorizzazione. Grazie ai “Grandi Uffizi Diffusi” e alla manifestazione di volontà espressa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e PESCIA; Excelsior acquisito dalla sopra richiamata Fondazione per farne un museo dal valore internazionale.

Obiettivo: riqualificare e valorizzare il patrimonio con serietà e concretezza. Termini: mettere in sicurezza la società terme di montecatini spa, allontanare speculatori e sciacalli, immaginare un futuro sostenibile. Strumenti: ingresso nell’Unesco della città e delle sue terme; la cultura come volano di crescita e sviluppo: museo delle terme alla palazzina regia - museo civico nel palazzo comunale - museo Accademia Scalabrino grazie alla Fondazione del Credito Valdinievole - Grandi Uffizi Diffusi alla Terme Excelsior. Non ci pieghiamo e non ci rassegniamo, nell’opporci a questa scellerata privatizzazione della proprietà intendiamo salvaguardare il nostro patrimonio e il nostro futuro. Noi ci siamo, con la testa e con il cuore. Visione e progettazione, contro la più pericolosa mossa di disperazione che si sia mai vista in città.