Politica
POLITICA

Mercato dei Fiori, Niccolai (Pd): “La Regione sta lavorando ad un intervento straordinario ed urgente di sostegno al Comune assieme al Commissario prefettizio"

"Il tempo che è stato sprecato in questi mesi rende impercorribili altre strade, visto che mancano solo 4 mesi".

Mercato dei Fiori, Niccolai (Pd): “La Regione sta lavorando ad un intervento straordinario ed urgente di sostegno al Comune assieme al Commissario prefettizio"
Politica Valdinievole, 09 Marzo 2022 ore 15:49

«La situazione è molto grave è molto seria: si sono persi più di 7 mesi sui 12 disponibili a seguito dell’accertamento dei Vigili del Fuoco che si è svolto nel giugno 2021 e dunque adesso non ci sono altre soluzioni che non siano quelle che il commissario prefettizio del Comune di Pescia ha proposto al presidente Giani nell'incontro urgente che ho personalmente promosso due settimane fa. Altre soluzioni sono per tempi ordinari, adesso dobbiamo dare risposte emergenziali».

L'intervento di Niccolai

Lo ha detto Marco Niccolai, consigliere regionale Pd, intervenendo in aula nel dibattito sulla vicenda del Mercato dei Fiori di Pescia e motivando il voto contrario del gruppo Dem alle mozioni presentate dai gruppi di Fratelli d’Italia e Lega.

«La situazione è davvero seria e grave – ha detto Niccolai – perché riguarda una struttura che svolge funzioni non solo per Pescia o la Valdinievole ma per il commercio dei fiori in Italia e riguarda ben 616 aziende che vi operano ogni giorno. Come è noto, la questione nasce da un accertamento dei Vigili del Fuoco che, riguardando il D.LGS. 758/1994, può avere anche profili penali. Personalmente ho appreso il fatto nel novembre scorso, in modo casuale da parte di un operatore e dunque né dal Comune o dall’azienda speciale, e, viste le ricadute economiche e sociali, ho chiesto l’intervento della Prefettura di Pistoia. Rimasi stupito della notizia perché, a ottobre 2021 il Comune di Pescia aveva restituito 28mila euro dei 3 milioni stanziati dalla Regione nel 2016 (importo determinato sulla base delle richieste del Comune), proprio perché non li aveva spesi. Solo nel gennaio 2022 il Comune ha informato della grave situazione ufficialmente gli operatori e il 9 febbraio l’azienda speciale i consiglieri regionali: si sono persi inutilmente mesi preziosi continuando a chiedere una quantità di risorse (9 milioni) che era irrealistico non solo reperire in poche settimane ma soprattutto che non era possibile poter spendere in pochi mesi.

La musica è finalmente cambiata con l’insediamento del Commissario prefettizio che si è subito messo al lavoro e che, 15 giorni fa, è riuscito a definire in modo preciso l’importo degli interventi minimi utili a evitare la chiusura: più di 4 milioni di euro. Sulla base di questa stima la Regione ha potuto iniziare a lavorare per supportare il Comune in modo concreto al fine di evitare la chiusura: è un lavoro che stiamo portando alacremente e per questo ringrazio il presidente Giani che sta seguendo in prima persona la vicenda, gli uffici regionali ed il Commissario Prefettizio. Insieme stiamo lavorando in modo serio e concreto in questa corsa contro il tempo per evitare lo shock economico e sociale della chiusura, uno shock che riguarderebbe un territorio molto più ampio di Pescia e della Valdinievole e che dobbiamo assolutamente evitare.

Non solo servono le risorse, dobbiamo anche assicurarci che siano spendibili nei tempi utili per evitare la chiusura: lavoriamo su questa doppia direttrice e continueremo a farlo. Le proposte di Fdi e Lega non raggiungono invece questo obiettivo: il fondo del ministero dello Sviluppo economico per cui si chiede il commissario ad acta è previsto per le grandi imprese ed è escluso per quelle pubbliche, come invece lo è l’azienda speciale Mefit. Per i contratti di filiera PNRR non ci sono i tempi, l’unica misura del PNRR che era possibile, ovvero quella per la rigenerazione urbana dei Comuni sopra i 15.000 abitanti, ha visto il proprietario dell’immobile, ovvero il Comune di Pescia ai tempi dell’amministrazione attualmente sospesa, neanche candidare il mercato dei fiori al bando nazionale, visto che ha chiesto solo 2,2 milioni di euro sui 5 che aveva a disposizione, rinunciando così a potenziali 2,8 milioni che poteva utilizzare per questo bene di sua proprietà.

Non ci rimane dunque che un intervento straordinario ed urgente su cui la Regione sta lavorando con il Commissario: per tavoli, accordi o altro il tempo è stato fatto scadere dai vari macroscopici errori che sono stati compiuti dal giugno 2021 fino all’insediamento del Commissario prefettizio e rispetto ai quali, una volta che avremo scongiurato la chiusura, dovremo sicuramente ritornare. Mi auguro – ha concluso Niccolai – che a breve torneremo a discutere in Consiglio di un intervento straordinario per scongiurare la chiusura e che, a differenza del 2016, quando i gruppi di opposizione si opposero ai 3 milioni che la Regione concesse al Comune, questa volta invece ci sostengano».

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter