POLITICA

Massa Cozzile, il consiglio ha preso atto del PeF di Ambito di Alia e approvato le tariffe Tari

"In un periodo di grandi difficoltà socio-economiche dovute dalla pandemia, spiega il sindaco - l'amministrazione ha ritenuto prioritario dare un segnale alla cittadinanza cercando di contenere eventuali aumenti a carico dei cittadini".

Massa Cozzile, il consiglio ha preso atto del PeF di Ambito di Alia e approvato le tariffe Tari
Politica Valdinievole, 01 Luglio 2021 ore 12:22

Il Consiglio Comunale, in data 30 giugno 2021, ha preso atto del Piano Economico e Finanziario (PEF) di Ambito 2021 presentato da Alia, validato da ARERA (Autorità di Regolamentazione per Energia, Reti e Ambiente) e approvato il 14 giugno in Assemblea di Ato Toscana Centro con il voto favorevole di 40 Comuni, 18 contrari, 2 astenuti, 5 assenti.

In quell'occasione il nostro Comune, rappresentato dall'assessore alle Politiche Ambientali Valentina Loparco, si è astenuto. La scelta dell'amministrazione infatti è stata quella di dare un segnale di dissenso a fronte, anche quest'anno, di un aumento dei costi. "Nonostante il nostro aumento fosse comunque contenuto rispetto a quanto previsto per altri Comuni -dice il sindaco Marzia Niccoli- si è ritenuto importante dare un segnale di disapprovazione al PEF 2021, soprattutto a tutela dei cittadini, per chiedere un cambiamento rispetto alla situazione attuale".

L'assessore si era astenuto durante il piano presentato da Alia

"Questa scelta – dichiara l'assessore Loparco- è in linea con quanto già portato avanti dall'amministrazione anche per l'approvazione del PEF 2020, in quell'occasione infatti fummo uno dei pochi Comuni a non dare parere favorevole, manifestando nelle sedi opportune il nostro dissenso a fronte di aumenti e previsione di aumenti costanti, cercando di stimolare i soggetti preposti a portare avanti la predisposizione di un Piano Regionale dei Rifiuti che potesse guardare alla tutela ambientale, all'ottimizzazione dei servizi, e di conseguenza al contenimento dei costi per gli utenti."

"Anche perchè ci preme sottolineare - spiega l'assessore al Bilancio Massimo Bicchi - che l'aumento è dovuto esclusivamente ai maggiori costi di servizio del gestore e di smaltimento dei rifiuti stessi, rifiuti che devono essere smaltiti fuori Regione; per quanto riguarda i costi imputabili al Comune infatti questi sono rimasti invariati negli ultimi anni."

"In un periodo di grandi difficoltà socio-economiche dovute dalla panedemia, spiega il sindaco - l'amministrazione ha ritenuto prioritario dare un segnale alla cittadinanza cercando di contenere eventuali aumenti a carico dei cittadini. Se per il PEF 2021 per il Comune di Massa e Cozzile parliamo di un aumento del 2,7% rispetto a quello dell'anno precedente, per la bollettazione Tari l'amministrazione ha contenuto l'aumento ad un 2,35% rispetto all'anno precedente. Rispetto agli anni precenti, inoltre, abbiamo finanziato con risorse proprie del Comune, agevolazioni e riduzioni, per le utenze domestiche, per indicatori Isee, famiglie numerose con almeno 4 figli, titolari di Reddito/Pensione di Cittadinanza, come previsto da normativa vigente. Anche per le utenze non domestiche sono previste riduzioni grazie al decreto sostegno bis del Governo, in questo caso abbiamo previsto riduzioni per le attività interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell'esercizio delle proprie attività secondo i provvedimenti nazionali o regionali che ne hanno appunto disposto la sospensione totale o parziale."

L'amministrazione, nel ribadire l'importanza di portare avanti politiche ambientali sostenibili come quelle della raccolta differenziata grazie alla quale il nostro Comune in 4 anni è passato da circa un 35% ad un 82% di differenziata, chiede anche una maggior ottimizzazione dei costi e dei servizi, ottimizzazione che potrà arrivare solo mettendo in atto una politica concreta e lungimirante, con piani industriali adeguati, con investimenti importanti e una sempre maggior sensibilizzazione verso l'economia circolare.