POLITICA

La Pietra: “Un ottimo lavoro, ma resta l’amaro in bocca”

L'affondo: "Giani era appoggiato da una coalizione che sulle questioni fondamentali ha idee profondamente diverse e spesso divergenti, ma con un unico obiettivo: mantenere il potere ed impedire al centro destra di vincere".

La Pietra: “Un ottimo lavoro, ma resta l’amaro in bocca”
Pistoia, 22 Settembre 2020 ore 19:28

“Rimane l’amaro in bocca per non aver assaporato il gusto della vittoria, ma resta la consapevolezza di aver fatto un ottimo lavoro e soprattutto la certezza che anche questa volta non hanno vinto le idee, i progetti e i programmi ma la demagogia. Giani era appoggiato da una coalizione che sulle questioni fondamentali ha idee profondamente diverse e spesso divergenti, ma con un unico obiettivo: mantenere il potere ed impedire al centro destra di vincere”. Sono le parole del senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra.

Il commento del senatore di FdI

Su questa onda è passato anche il messaggio del voto utile e sia 5 Stelle che la sinistra toscana sono crollate a favore di Giani. Nel centro destra, rivendichiamo l’ottimo risultato di Fratelli d’Italia, unico partito in crescita della coalizione, che raccoglie oltre il 13% dei consensi, triplicando il voto di 5 anni fa e raddoppiando rispetto alle europee dell’anno scorso. Un risultato che premia la serietà e la coerenza del partito e della sua classe dirigente, una classe dirigente che dimostra il suo valore sia quando fa opposizione ma soprattutto quando è chiamata a ricoprire ruoli di governo.

Grande soddisfazione, poi per il risultato locale, dove abbiamo ottenuto la miglior percentuale di consensi a livello regionale grazie anche ad una lista dove ogni candidato è riuscito ad avere risultati importanti. Ottimo il risultato di Alessandro Capecchi con quasi 6.000 preferenze, che ci rappresenterà in consiglio regionale. Risultati di tutto rilievo anche le preferenze ottenute dagli altri candidati con Gabriele Sgueglia con quasi 3.000 preferenze e Lorenzo Vignali quasi 2.400 preferenze. Seguono poi Irene Gori 2165, Federica Rastelli 1432 e Chiara Venturi con 1417. Un totale di oltre 15.000 preferenze su oltre 22.000 voti testimoniano la struttura del partito e il radicamento dei nostri candidati. Adesso ripartiamo per le prossime sfide consapevoli delle nostre possibilità e del consenso degli elettori”, ha concluso La Pietra.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità