Nuova proposta

Il Consiglio Regionale stanzia un milione e mezzo per cultura, maestri di sci e Pro Loco: i commenti di Fratoni (Pd) e Petrucci (Fdi)

L'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale ha presentato una importante cifra stanziata in favore di settori non tutelati da "ristoro" dal Governo nazionale come le partite Iva in cultura e spettacoli, maestri di sci e Pro Loco.

Il Consiglio Regionale stanzia un milione e mezzo per cultura, maestri di sci e Pro Loco: i commenti di Fratoni (Pd) e Petrucci (Fdi)
Politica Pistoia, 21 Dicembre 2020 ore 18:34

L'Ufficio di Presidenza del consiglio regionale ha presentato il milione e mezzo di euro che, dal risparmio di bilancio, sarà stanziato per ristori in favore del settore culturale e dello spettacolo, per i maestri di sci e per le Pro Loco: all'interno dell'ufficio ci sono i consiglieri pistoiesi Federica Fratoni (Pd) e Diego Petrucci (Fdi).

Fondi stanziati, il commento di Diego Petrucci (Fdi)

Un milione e mezzo di euro, che abbiamo ritagliato dall’avanzo di bilancio e dai costi della politica: non sarà la panacea di tutti i mali ma mi auguro che possa essere una boccata di ossigeno - dichiara il Consigliere Diego Petrucci (Fdi), Segretario dell’Ufficio di Presidenza, in relazione alla proposta presentata stamani in conferenza stampa- La montagna sta soffrendo moltissimo la crisi economica conseguente alla pandemia ed uno degli interventi, 200 mila euro, è a sostegno dei 300 maestri di sci toscani che aspettavano le vacanze di Natale per poter lavorare e che quest’anno non potranno farlo”.

“250mila euro saranno destinati alle Pro Loco che con il loro prezioso lavoro tengono vivi tanti piccoli paesi, borghi e con essi le tradizioni toscane” sottolinea Petrucci.

“Abbiamo pensato anche a dare un po’ di respiro al mondo della cultura e dello spettacolo, altro segmento particolarmente provato dall’emergenza. Al tal proposito, è stato stanziato un milione e 50mila euro –ricorda il Consigliere di Fratelli d’Italia Petrucci- Non abbiamo voluto un ristoro a pioggia ma chiediamo, a chi riceverà questo contributo, una proposta culturale che metta in risalto l’identità ed il folklore della Toscana”.

Fondi stanziati, il commento di Federica Fratoni (Pd)

Il risparmio di bilancio del Consiglio della Regione Toscana, un milione e mezzo di euro, sarà destinato al sostegno di lavoratori autonomi dello spettacolo, Pro Loco e maestri di sci alle prese con gravi difficoltà durante la pandemia.

Il pacchetto delle varie misure è stato presentato questa mattina dai membri dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale fra i quali anche Federica Fratoni. Ai lavoratori dello spettacolo è destinato 1 milione e 50 mila euro per sostenere le partite Iva che operano in modo continuativo in Toscana, alla promozione e diffusione dell’accoglienza turistica delle Pro Loco sono destinati 250mila euro (che saranno ripartiti in base al numero delle domande presentate dopo la pubblicazione di specifico avviso pubblico), mentre i maestri di sci potranno contare su 200mila euro di contributi (con ristoro massimo cadauno di 800 euro). Misure, inserite in tre diverse proposte di legge, che sono già state approvate all'unanimità dall’ufficio di presidenza.

«Come ufficio di Presidenza – ha sottolineato la consigliera regionale del Pd, e segretario dell’Ufficio di Presidenza, Federica Fratoni – abbiamo lavorato collegialmente per intervenire in quei settori che, per vari motivi soprattutto di natura tecnica, rischiavano di rimanere esclusi dai ristori messi in campo dal governo nazionale e dalla giunta regionale. Con questi fondi stanziati vogliamo dare una boccata d’ossigeno a settori e categorie che sono anche l’anima più bella della nostra Regione: dalla cultura e lo spettacolo, ricca di tanti collaboratori occasionali, ai maestri di sci che lavorano sulle nostre montagne, quest’anno persino imbiancate anzitempo, fino alle Pro Loco alle quali voglio esprimere un sentito ringraziamento per quello che stanno facendo in questa fase di pandemia assecondando le esigenze delle nostre comunità sperando che quanto prima si possa tornare alla normalità per avere nel 2021 un anno di rinascita».