Menu
Cerca
POLITICA

Fratoni, approvata dal consiglio regionale all’unanimità la mozione sulla sanità terroriale

La consigliera regionale: "Sono prima co-firmataria assieme a Donatella Spadi nell'iniziativa per chiedere alla Regione un impegno concreto per la presenza dei medici di medicina generale nelle aree interne e montane"

Fratoni, approvata dal consiglio regionale all’unanimità la mozione sulla sanità terroriale
Politica Pistoia, 10 Marzo 2021 ore 11:16

Nella seduta di ieri, martedì 9 marzo 2021, il Consiglio Regionale della Toscana ha approvato all’unanimità la mozione presentata dalle consigliere del Partito Democratico, Federica Fratoni e Donatella Spadi come prime firmatarie, per chiedere alla Regione un impegno concreto per la presenza dei medici di medicina generale nelle aree interne e montane, la cui assenza ha portato gravi criticità in provincia di Pistoia come dimostrato dai recenti fatti nelle zone collinari ed anche nella frazione di Bottegone.

L’intervento

“Servono misure strutturali che permettano di colmare l’assenza di medici di medicina generale che si sta registrando anche in molte aree della nostra regione, con particolare riferimento a quelle interne, insulari, rurali e montane – hanno dichiarato le due consigliere del Pd – la carenza di personale è riconducibile al numero consistente di pensionamenti in corso e alla complessità e alla lunghezza delle modalità di accesso alla professione. Per questo crediamo che sia necessario facilitare all’accesso all’esercizio della professione attraverso percorsi di formazione più rapidi e adeguati e introdurre forme di incentivazione, d’intesa con le Ausl e le rappresentanze sindacali, per la copertura degli ambulatori ubicati nelle aree a più alta criticità.”

Durante il dibattito in aula, poi, sono emersi anche altri aspetti e la pronta risposta dell’assessore regionale Simone Bezzini.

“Il nostro sistema sanitario vive una carenza cronica di medici di famiglia che, vista la differenza tra medici in entrata e in uscita, continuerà per molti anni se non saranno presi rapidamente provvedimenti adeguati – aggiungono le consigliere democratiche – L’assessore Bezzini in aula ci ha spiegato che si tratta di un tema che tutte le regioni hanno ripetutamente posto al governo in sede di Conferenza Stato-Regioni e che la Toscana è impegnata su questo fronte con grande consapevolezza del problema. Auspichiamo che si studino soluzioni efficaci nel più breve tempo possibile e chiediamo alla Toscana di essere portatrice di questa necessità. La crisi legata al Covid-19 ha fatto emergere la necessità di rafforzare ulteriormente la sanità territoriale per garantire a tutti i cittadini un equo accesso alle cure senza disparità tra territori”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli