POLITICA

Fratelli d’Italia: “La scuola deve ripartire il 14 settembre in sicurezza per tutti”

"La scuola, purtroppo, se ripartirà, riaprirà tra mille dubbi e incertezze e probabilmente non sarà nemmeno in grado di garantire la sicurezza al 100% per lo stato di fatiscenza in cui versa la maggior parte degli edifici scolastici".

Fratelli d’Italia: “La scuola deve ripartire il 14 settembre in sicurezza per tutti”
Pistoia, 24 Agosto 2020 ore 10:55

Ecco l’intervento di Fratelli d’Italia sulla riapertura delle scuole, nelle persone di Michela Senesi, responsabile del Dipartimento Regionale Istruzione Fratelli d’Italia-Toscana e di Elena Bardelli, vice Responsabile del Dipartimento. “Nel periodo estivo si sono susseguiti da parte del governo e del ministro Azzolina tanti documenti e proclami in TV e sulla stampa, con grande mobilitazione di esperti e tecnici e impiego di forze e risorse economiche per non arrivare a nulla di concreto. La scuola, purtroppo, se ripartirà, riaprirà tra mille dubbi e incertezze e probabilmente non sarà nemmeno in grado di garantire la sicurezza al 100% per lo stato di fatiscenza in cui versa la maggior parte degli edifici scolastici per colpa dei governi che si sono susseguiti in questi anni, difficilmente risolvibile ormai in poche settimane”.

La mancanza degli spazi

“Altro grande problema è la mancanza di spazi disponibili per garantire il distanziamento sociale e il rispetto delle altre norme igienico-sanitarie sul quale si sarebbe potuti intervenire già dall’inizio della pandemia. Ad oggi, in pratica, siamo ancora più o meno fermi alla situazione di partenza. Azzolina insiste nel dire che è “tutto a posto” e “sotto controllo”, ma sono ancora troppe le incognite sulle modalità di inizio dell’anno scolastico, che resta confermato al 14 settembre e sulle modalità di svolgimento delle attività didattiche. La questione più complicata risulta quella degli asili nido e delle scuole dell’infanzia, che devono essere sanificati quotidianamente, nonostante l’assenza di personale specializzato o adeguatamente formato per questa mansione”.

“Inoltre per accogliere i bambini nel rispetto del distanziamento tra di loro e mettere in condizione personale docente e collaboratori scolastici di rispondere prontamente alle situazioni che potrebbero generare pericolo di contagio sono necessarie risorse finanziarie immediatamente disponibili, un organico aggiuntivo, ulteriori figure professionali e strumenti di misurazione all’ingresso delle scuole – proseguono Senesi e Bardelli – Come se non bastasse poi le scuole paritarie aspettano ancora i 300 milioni promessi dal l’esecutivo, più di un mese fa nel Decreto Rilancio, senza i quali, molti istituti rischiano di non poter riaprire a settembre, mettendo in difficoltà migliaia di studenti e famiglie.
La scuola deve ripartire, in sicurezza, il 14 settembre e Fratelli d’Italia farà di tutto per garantire il diritto fondamentale allo Studio e alla Istruzione in presenza. Non vorremmo che, dato lo scenario poco rassicurante, l’aumento dei contagi potesse divenire per il governo l’occasione o il pretesto per coprire la propria incapacità di gestione dell’emergenza epidemiologica, prorogando l’inizio dell’anno scolastico o facendo rischiare la salute a migliaia di studenti, insegnanti e collaboratori scolastici”.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità