Politica
Pistoia

FP Cgil lancia l'allarme: "Situazione addetti comunali è preoccupante"

Sandro Malucchi: "Abbiamo il sentore che l’attuale amministrazione comunale tenti di trovare nei propri dipendenti i responsabili delle difficoltà in cui normalmente una pubblica amministrazione incorre".

FP Cgil lancia l'allarme: "Situazione addetti comunali è preoccupante"
Politica Pistoia, 19 Marzo 2022 ore 10:39

"La vicenda dei cantieri comunali del Comune di Pistoia ci consegna un’immagine sfocata e retriva delle politiche sul personale promosse dall’attuale Amministrazione. La situazione strutturale e lavorativa in cui versano gli addetti comunali è già oggetto dello stato di agitazione che le organizzazioni sindacali e le rappresentanze sindacali unitarie hanno proclamato lunedì scorso". A dirlo è Sandro Malucchi, segretario generale FP CGIL Pistoia Prato.

"Se tutto ciò appare preoccupante - è davvero singolare dover ricorrere al raffreddamento del conflitto in Prefettura per questioni quali la mancanza di riscaldamento negli spogliatoi e la trascuratezza e inagibilità in cui versano gli strumenti del lavoro – ancor più incomprensibile appare che il Primo Cittadino abdichi al ruolo di conduzione e governo dei fenomeni, funzione storicamente propria della politica, imputando ad altri il mancato raggiungimento degli obiettivi minimi di salubrità sul posto di lavoro - ha aggiunto - Abbiamo piuttosto il sentore che l’attuale amministrazione comunale tenti di trovare nei propri dipendenti i responsabili delle difficoltà in cui normalmente una pubblica amministrazione incorre. È nota da alcune settimane, infatti, la dichiarazione di un assessore della giunta, rilasciata anche a mezzo stampa, con cui il Comune comunica la propria indisponibilità a assumere personale al fine di ridurre i costi del bilancio e con quelli – è conseguente - la qualità e quantità dei servizi pubblici locali. La pretestuosità della posizione contro i professionisti è fin troppo palese se si considera che il costo del personale del comune di Pistoia incide per meno di un quarto del totale dei costi e delle entrate annuali e diventa ancor più evidente alla luce dei finanziamenti contenuti nel PNRR che invece autorizzano a fare investimenti qualificati per ciò che riguarda il personale dedicato".

E poi ancora. "Il contesto socio economico in cui si inserisce la fase conflittuale aperta con l’Amministrazione comunale non può giustificare, a nostro avviso e in conclusione, il tentativo di far pagare a tutti i dipendenti comunali una visione della città dove i servizi si riducono e i diritti sociali e di cittadinanza arretrano considerevolmente".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter