FdI di Serravalle: “La Regione stanzia adesso le risorse: fin qui politiche ambientali inesistenti”

"I fondi messi a disposizione dalla Regione Toscana per eliminare la tombatura di un tratto del Rio di Casale costituiscono sicuramente una buona notizia. Ma perché solo ora?"

FdI di Serravalle: “La Regione stanzia adesso le risorse: fin qui politiche ambientali inesistenti”
Piana, 20 Febbraio 2020 ore 10:17

I fondi messi a disposizione dalla Regione Toscana per eliminare la tombatura di un tratto del Rio di Casale costituiscono sicuramente una buona notizia per il Comune di Serravalle Pistoiese, che con le proprie forze non avrebbe mai potuto ottenere tale risultato. La copertura di questo corso d’acqua è stata infatti la causa predominante della recente alluvione che ha colpito in maniera particolare la frazione di Casalguidi e dintorni”. E’ l’inizio dell’intervento di Elena Bardelli, portavoce di Fratelli d’Italia a Serravalle Pistoiese.

L’allarme di Elena Bardelli

“Come gruppo politico ci chiediamo però se sia normale pensare a risolvere i problemi solo dopo che questi abbiano procurato notevoli disagi e danni seri alla popolazione. Perché la Regione Toscana non ha pensato prima a destinare risorse adeguate per la pianificazione della messa in sicurezza del territorio? Forse perché i comuni politicamente amici, nonostante le denunce e le pressanti richieste dei gruppi di opposizione, hanno condiviso o tollerato tacitamente per tanto tempo le assurde politiche ambientali regionali, fatte solo di spots e di slogans, ma di fatto carenti di progettazione di interventi a livello locale?
Riteniamo adesso che la Regione, per coerenza, debba essere anche altrettanto sollecita nella erogazione dei contributi promessi per risarcire i danni subiti dal Comune, dai privati cittadini e dalle attività commerciali a causa degli allagamenti”.

Leggi anche: Atti vandalici alle case popolari di Ponte di Serravalle: Episodi tristi

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità