Politica
Il caso

Dichiarazione assessore Bartolomei, l’opposizione chiede le dimissioni

Riceviamo e pubblichiamo la nota congiunta del Partito Democratico, Azione, Movimento 5 Stelle, Pistoia Spirito Libero, Italia Viva e Pistoia Città di Tutti. 

Dichiarazione assessore Bartolomei, l’opposizione chiede le dimissioni
Politica Pistoia, 15 Gennaio 2022 ore 11:46

Dichiarazione assessore Bartolomei, l’opposizione  chiede le dimissioni

Dopo il post apparso ieri sui social dell’assessore Alessio Bartoletti, l’opposizione va oggi all’attacco e ne chiede le dimissioni.

Riceviamo e pubblichiamo la nota congiunta del Partito Democratico, Azione, Movimento 5 Stelle, Pistoia Spirito Libero, Italia Viva, e Pistoia Città di Tutti.

“Questa roba ha molta più attinenza col nazismo che con la sanità”: così l’assessore Alessio Bartolomei ha commentato un post Facebook in cui una cittadina si lamentava delle regole anti-Covid messe in campo dal Governo.

Ecco che finalmente si getta la maschera: nella Giunta Tomasi si accoglie volentieri chi richiama addirittura al nazismo le misure a tutela della Salute Pubblica. A questo punto, non ci sono più scuse.
Per Bartolomei dunque sono nazisti il Governo e tutti i suoi colleghi e colleghe di Giunta e i tanti consiglieri comunali che invece si stanno impegnando per la salvaguardia di quelle regole. O questa è una posizione isolata, o è comune anche al Sindaco”.

Chieste dimissioni immediate 

“Allora i casi sono due: o si dimette Bartolomei, o si dimette il Sindaco. Non ci sono terze strade - continuano gli esponenti dell’opposizione - è il momento che Bartolomei si dimetta o venga sollevato dal proprio incarico, per rispetto dei medici, infermieri, volontari che ogni giorno dedicano anima e corpo a combattere il virus, anche contro i continui attacchi di negazionisti vari e di quella frangia dei  no-vax violenta e intollerante che un messaggio così, irresponsabile e scellerato, alimenta e giustifica.

In questo, riteniamo necessaria una presa di posizione anche della Vicesindaco Celesti, Presidente della Società della Salute E che la Lega, che in questo governo ci risulta essere presente, batta un colpo contro questo scempio di un proprio esponente.