Politica
POLITICA

Consorzio Medio Valdarno, Capecchi (Fdi): “Totale disinteresse dell’assessore Monni per lo smantellamento delle sedi sul territorio. Pistoia rimane senza una sede”

L’interrogazione del Consigliere regionale di Fratelli d’Italia ha voluto portare la questione della riorganizzazione delle sedi all’attenzione regionale

Consorzio Medio Valdarno, Capecchi (Fdi): “Totale disinteresse dell’assessore Monni per lo smantellamento delle sedi sul territorio. Pistoia rimane senza una sede”
Politica Pistoia, 18 Novembre 2021 ore 10:55

“Con un’interrogazione ho voluto portare all’attenzione della Regione la questione della riorganizzazione delle sedi del Consorzio Medio Valdarno. Ma la risposta al nostro atto, da parte dell’assessore Monni, dimostra un totale disinteresse verso lo smantellamento delle sedi sul territorio, anzi l’assessore ha chiaramente detto che è a favore di una riorganizzazione degli uffici del Consorzio. Tale riorganizzazione rappresenta un salto nel vuoto visto che non ci sarebbero le coperture necessarie. Il territorio pistoiese, assai delicato dal punto di vista idrogeologico e con tante opere di regimazione idraulica, rimane sguarnito, senza una sede di prossimità con l’accentramento della sede a Firenze. Inoltre, a causa del mancato affitto delle sedi che rimangono vuote, si creerà uno scompenso di bilancio che sarà coperto con un taglio dei servizi o con un aumento del contributo. La nuova sede costa e non mettendo a reddito quelle esistenti si crea, inevitabilmente, uno scompenso finanziario” dichiara il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Alessandro Capecchi, vicepresidente della Commissione Ambiente e Territorio.

La protesta

“Tra l’altro, l’assessore Monni non era presente alla riunione in cui è stato deciso di approvare il bando per la ricerca di nuove sedi, e non ha nemmeno dato indicazioni al rappresentante regionale sulla questione –fa notare Capecchi- Nei confronti del territorio e dei servizi ci aspettiamo dalla Regione la massima attenzione, ma soprattutto ci preoccupa che soldi pubblici vengano spesi in modo poco efficace. Una tale riorganizzazione dovrebbe avere come finalità quella di offrire servizi migliori ai cittadini contribuenti gestendo in modo oculato le risorse pubbliche. Vorrei ricordare che il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno rimasto inascoltato: l’assemblea regionale aveva espresso tutte le proprie perplessità sulla riorganizzazione delle sedi del Consorzio del Medio Valdarno. Evidentemente, la Regione abdica rispetto al proprio potere di controllo sulle attività del Consorzio” sottolinea Capecchi.