POLITICA

Cambiamo con Toti Montagna Pistoiese: “SP633, ennesima data dei lavori non rispettata”

"Solo la SP633 si disse sarebbe stata riparata a breve, ipotizzando la data di conclusione dei lavori entro fine settembre. Cosa che avrebbe comportato la rimozione del limite di velocità e la riapertura ai ciclisti, sull’intero tratto stradale. A tutt’oggi i lavori non sono stati iniziati, e non si vede neanche la luce in fondo al tunnel".

Cambiamo con Toti Montagna Pistoiese: “SP633, ennesima data dei lavori non rispettata”
Montagna, 16 Settembre 2020 ore 09:06

“Ormai ci siamo lasciati alle spalle la prima metà settembre,e siamo a 3 mesi dalla conferenza stampa, tenutasi a Prunetta per i nuovi limiti e divieti della SP633. Nel dettaglio era il limite di velocità a 30 Km/h e il divieto di transito ai ciclisti, posti per via della strada troppo danneggiata per consentire la sicurezza percorrendola”. E’ l’inizio dell’intervento di Antonio Gambetta Vianna e Marco Poli per Cambiamo con Toti nella Montagna Pistoiese.

“Solo un chilometro di strada ripristinata”

“A oggi abbiamo il ripristino della percorribilità di circa un chilometro di strada (tratto la colonna-bivio delle ferriere) senza per altro lavori effettuati. Qualche buca tappata col catrame, a macchia di leopardo, senza un senso ben preciso. A questo punto si può dire senza essere smentiti che siamo di fronte all’ennesimo annuncio mancato da parte della provincia e del suo presidente.
Nella conferenza stampa di giugno si parlò di diverse strade provinciali montane, che versano in condizioni pietose. Ma solo la SP633 si disse sarebbe stata riparata a breve, ipotizzando la data di conclusione dei lavori entro fine settembre. Cosa che avrebbe comportato la rimozione del limite di velocità e la riapertura ai ciclisti, sull’intero tratto stradale.
A tutt’oggi i lavori non sono stati iniziati, e non si vede neanche la luce in fondo al tunnel.
Saremmo anche stanchi di dare addosso alla provincia, a cui vorremmo dire “ben fatto “ a lavori ultimati. Ma davanti a delle strade ancora indecenti, a danni riportati da veicoli che le percorrono, non possiamo fare altro che biasimare la provincia e continuare a chiedere il rapido ripristino del manto stradale”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità