Politica
POLITICA

Bartolini (Lega): "Stati Generali della Salute: difendere la sanità come nel caso di Pescia"

"L’ultima novità è la chiusura del punto nascita nel predetto nosocomio. Ci hanno rassicurato sulla riapertura dopo l’estate e parlano di un numero maggiore di interventi per la ginecologia"

Bartolini (Lega): "Stati Generali della Salute: difendere la sanità come nel caso di Pescia"
Politica Valdinievole, 17 Giugno 2022 ore 08:18

“Gli ospedali non si devono chiudere, quanto dichiarato dal presidente Giani ci trova assolutamente d’accordo”, dice la consigliera Luciana Bartolini della Lega. I piccoli nosocomi, come quello di Pescia, sono stati essenziali durante la pandemia, fondamentali per il territorio. Le cose però vanno piuttosto male; l’ultima novità è la chiusura del punto nascita nel predetto nosocomio. Ci hanno rassicurato sulla riapertura dopo l’estate e parlano di un numero maggiore di interventi per la ginecologia, della realizzazione di una piattaforma per la telemedicina, ma rimaniamo piuttosto scettici".

Il commento della consigliera

"Quell’ospedale serve zone di montagna, si stanno creando problemi alle future mamme ed anche alle persone che ci lavorano, con ostetriche mandate a lavorare in altri ospedali. Siamo tutti d’accordo che la sanità territoriale debba essere potenziata, ma per ora di veramente concreto non c’è nulla. Mi auguro, dunque - conclude l’esponente leghista - che il documento proposto dalla maggioranza, derivante dai lavori svolti nell’ambito degli Stati Generali della Salute, non sia fine a se stesso, ma che produca effettivi e tempestivi risultati anche per i pesciatini”.

 

Seguici sui nostri canali