Politica
l'appello

Bando sistema museale toscano, il monito di Fratoni (PD): "Pistoia non sbagli di nuovo"

La consigliera regionale del Pd, Federica Fratoni, mette in guardia il Comune di Pistoia dal presentare regolarmente le proprie proposte, a differenza di quanto successo nel 2020, per il bando relativo al sistema museale toscano.

Bando sistema museale toscano, il monito di Fratoni (PD): "Pistoia non sbagli di nuovo"
Politica Pistoia, 09 Settembre 2021 ore 13:47

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dalla consigliera regionale del Partito Democratico, Federica Fratoni, in merito al via libera della Regione del bando 2021 per forme di finanziamento per il sistema museale toscano.

Sistema museale Toscana, ok per il bando 2021 e il monito di Federica Fratoni (PD)

Con una recente delibera di Giunta, la Regione Toscana ha approvato il bando per i sistemi museali
2021 con l’obiettivo di sostenere le attività finalizzate allo sviluppo della cultura digitale, alla
conservazione e valorizzazione delle collezioni per una riapertura in sicurezza dei musei cittadini.
In via straordinaria saranno valutate le caratteristiche di strutturazione e composizione dei sistemi
museali nonché le attività svolte dal 1°gennaio 2021 fino al 30 novembre di quest’anno mentre
saranno escluse quelle attività svolte nel 2021 con la proroga del contributo regionale 2020.
Le risorse complessive destinate al bando sono pari a 600mila euro e saranno ripartite, per il 40%,
in parti uguali ai sistemi museali toscani correttamente partecipanti al bando 2021 ed inseriti in
graduatoria, per il restante 60% assegnando a ciascun sistema una quota legata alla ripartizione di
punteggi per la struttura del sistema (fino a 70 punti) e per le attività svolte e programmate (fino a
30 punti). Il contributo regionale a fondo perduto sarà pari all’80% del costo delle attività
finanziabili e delle spese ammissibili.
Nello scorso anno le strutture museali validamente accreditate erano state, per la città di Pistoia,
Palazzo De’ Rossi e Palazzo Buontalenti, Palazzo dei Vescovi ed il Museo della Cattedrale di San
Zeno, tutti e tre di proprietà della Fondazione Caript. Restarono, invece, clamorosamente fuori tre
musei comunali pistoiesi: Palazzo Fabroni, Museo del Ceppo e la Casa studio di Fernando Melani.
«Fu un brutto scivolone da parte dell’Amministrazione Comunale – ricorda la consigliera regionale
del Partito Democratico, Federica Fratoni – e la toppa fu peggio del buco perché fu attribuita la
responsabilità ad un malfunzionamento del portale del Ministero adducendo anche che sarebbero
stati riaperti i termini per la presentazione delle domande. Mi auguro che questa volta non si
commettano errori e si colga al volo questa importante occasione nell’interesse della nostra città».