Politica
POLITICA

Architetti, l'intervento della categoria sulle elezioni a Pistoia

Mercoledì 25 il faccia a faccia tra i candidati per la poltrona di primo cittadino alle 18 a Montuliveto

Architetti, l'intervento della categoria sulle elezioni a Pistoia
Politica Pistoia, 23 Maggio 2022 ore 10:48

Una categoria di professionisti che ha come competenza principale il progetto d’architettura ed il disegno della città, non può restare indifferente ed estranea ad un momento in cui, attraverso l’elezione amministrativa, si procede al rinnovo del governo di una città o di un territorio e ritiene quindi
opportuno interloquire con i candidati Sindaco nel momento in cui essi propongono il proprio programma politico.

Il futuro della città

"È attraverso la capacità che avrà il nuovo Sindaco di immaginare ed interpretare il futuro sviluppo della
città che si potrà realizzare un luogo “accogliente” per i cittadini; è attraverso l’ascolto e la discussione
anche sul fronte della cultura del progetto urbano e territoriale con la categoria degli architetti, che si
potranno delineare azioni utili per offrire una qualità migliore dell’ambiente costruito; è dallo sforzo
innovativo e di collaborazione che sarà messo in campo anche sul piano amministrativo e burocratico
che si determineranno condizioni migliori dell’operare professionale; è dall'efficienza della macchina
pubblica, in tutti i suoi settori, che potranno derivare straordinarie facilitazioni per i cittadini.

Gli architetti pistoiesi intendono promuovere l’innovazione, sempre e ovunque, condividendo le proprie
esperienze, azioni di resistenza, pratiche di resilienza, per proporsi come nuova piattaforma di
conoscenza e sono fortemente impegnati, ormai dai diversi anni, nel favorire il percorso partecipativo
con la cittadinanza.

Muovendo da queste semplici considerazioni e sulla scorta delle precedenti sessioni elettorali, abbiamo
ideato il nuovo “manifesto sulla città e l’architettura”, una sorta di dossier sul futuro del nostro
territorio che, in estrema sintesi, è il seguente.

Riusare e rilanciare la città e l'architettura esistente, favorirne il recupero responsabile è una scelta
che va nella direzione della sostenibilità dello sviluppo, della conservazione del patrimonio storico e
dell'identità del tessuto urbano, della limitazione del consumo di suolo e dell'efficacia della spesa,
pubblica e privata.

Tutto questo fa parte del nostro fare professionale.
Potranno essere questi alcuni dei temi del nostro futuro Sindaco?", è la conclusione dell'intervento dell'Ordine degli Architetti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter