Menu
Cerca
La polemica

“Allarme confermato, i ristori per gli impianti di risalita toscani sono briciole” l’affondo di Petrucci (Fdi)

Nuovo affondo del consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Diego Petrucci, sulle proiezioni di arrivo di ristori, insufficienti, per le stazioni sciistiche toscane con chiaro riferimento a quelle del nostro Appennino.

“Allarme confermato, i ristori per gli impianti di risalita toscani sono briciole” l’affondo di Petrucci (Fdi)
Politica Montagna, 14 Aprile 2021 ore 12:02

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dal consigliere regionale di Fratelli d’Italia, ed ex sindaco di Abetone Cutigliano, Diego Petrucci sui dati che circolano per i pochi ristori in arrivo per gli impianti di risalita della Toscana rispetto al Trentino Alto Adige.

Ristori per impianti risalita Toscana, l’allarme di Diego Petrucci (Fdi)

“Invito il Presidente Giani a farsi sentire in Conferenza Stato-Regioni per difendere la nostra montagna che ha subito l’ennesima beffa. Ed invito, altresì, l’assessore Marras, al quale rivolgerò una interrogazione specifica, a verificare i dati che circolano! L’allarme era già stato lanciato nei giorni scorsi: per gli impianti di risalita alla Toscana vanno poco più di 2 milioni e 400mila euro mentre al Trentino-Alto Adige ben 244 milioni. Per le attività commerciali appena 1 milione e 648mila mentre al Trentino Alto Adige 115 milioni. Come temuto, dunque, solo briciole!” denuncia il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Diego Petrucci.

“Una misura iniqua perché la montagna non è soltanto in Trentino-Alto Adige, dove, peraltro, vige un sistema fiscale fortemente agevolato e la fiscalità di quei territori contribuisce solo in parte alle casse nazionali. E’ assurdo che quando si incassa si tengano le risorse sul proprio territorio mentre, poi, per gli aiuti ci si rivolga al Governo nazionale” attacca Petrucci.

“Le chiusure hanno messo in ginocchio gli operatori del settore del turismo invernale, dagli alberghi agli esercizi commerciali, mettendo a rischio la loro possibilità di sopravvivenza. Molte regioni italiane hanno previsto fondi a sostegno di tali attività, anche la Regione Toscana deve prevedere urgenti risorse a favore delle strutture ricettive e degli esercizi commerciali dei comuni con stazioni sciistiche. A più riprese, Fratelli d’Italia ha fatto proposte e richieste per immediati ristori regionali che, però, non sono state accettate” ricorda il consigliere regionale.