Campagna elettorale

Abetone Cutigliano, la Soprintendenza e le polemiche. Danti: "Belle notizie per chi vuol bene al territorio"

La replica del candidato sindaco Marcello Danti ("Un'altra storia") ad Abetone Cutigliano sulle polemiche per la recente visita dell'amministrazione comunale uscente alla Soprintendenza a Firenze.

Abetone Cutigliano, la Soprintendenza e le polemiche. Danti: "Belle notizie per chi vuol bene al territorio"
Politica Montagna, 13 Settembre 2021 ore 17:23

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Marcello Danti, candidato sindaco di "Un'altra storia #Vivalamontagna" per Abetone Cutigliano, in merito alle recenti polemiche sul via libera della Soprintendenza alla realizzazione di alcune opere pubbliche sul territorio comunale.

Polemiche sulla Soprintendenza, il commento di Marcello Danti

L' approvazione di un progetto in sovraintendenza non rappresenta un passaggio estemporaneo da campagna elettorale ma una tappa fondamentale di un percorso che dura mesi ed in alcuni casi anni. È frutto del lavoro di tutti noi e dell'impegno in consiglio comunale. Le polemiche accese in questi giorni sono invece frutto di una mera strategia da campagna elettorale alla quale non vogliamo dare peso. Quello che conta per noi sono i fatti e quindi l’approvazione di ben 4 progetti promossi dall’attuale amministrazione: chi avesse anche una minima esperienza amministrativa saprebbe bene infatti che il passaggio in sovraintendenza avviene alla fine di un percorso lungo e tortuoso e l’approvazione dei progetti su Rondò Priscilla Cutigliano - Auditorium Abetone- Via di Pellega - area camper a Pian di Novello dovrebbero essere accolti con piacere. Per chi vuol bene al nostro territorio queste sono solo belle notizie. La propaganda, al contrario, in queste circostanze non fa bene a nessuno ed è sintomo di  improvvisazione e malafede. Il nostro buongoverno è stato un’altra storia anche su questo piano: Noi facciamo i progetti e li facciamo approvare prima dalla sovrintendenza per non tenere ferme risorse, loro continuano a proporre progetti su cui la sovrintendenza continua a dire no e tengono ferme risorse vitali per la comunità impedendo sviluppi che potrebbero portare benefici enormi.

Basti ricordare che la provincia di Pistoia ha a disposizione oltre 7 milioni di euro per il nostro comune che sono bloccati da anni.