Glocal news
30 anni 118

Trentennale del 118, Gandola: E' a rischio per i tagli della Regione"

Trentennale del 118, Gandola: E' a rischio per i tagli della Regione"
Glocal news 26 Marzo 2022 ore 11:16

Paolo Gandola, consigliere metropolitano Forza Italia - centrodestra nel trentennale dalla nascita del 118 lancia l'allarme.

Trentennale del 118

“Il 118 è un pilastro fondamentale del Sistema sanitario nazionale, capace di affrontare i bisogni dei cittadini in difficoltà e di dare risposta immediata anche nelle grandi emergenze, come durante la pandemia da Covid-19. In occasione del trentennale della sua istituzione che avverrà domani 27 marzo, quando ricorrerà l’anniversario della firma del Presidente della Repubblica che istituì il servizio di emergenza territoriale 118, è per noi un dovere ringraziare ed omaggiare tutti gli angeli del soccorso, quelli passati e quelli presenti, tutti coloro  che hanno perso la vita o semplicemente dedicato ore del proprio tempo per difendere la salute dei cittadini delle nostre comunità”.

Così si esprime Paolo Gandola, consigliere metropolitano Forza Italia - centrodestra per il cambiamento che aggiunge: “l’occasione del trentennale, però,deve anche essere utile per dire alla regione Toscana di fermarsi e non procedere nella diminuzione da  80 a 50 dei punti di emergenza territoriale dove attualmente è presente il medico a bordo delle ambulanze. Tutto ciò metterà in crisi il sistema di emergenza ed urgenza nell’area metropolitana, con l’eliminazione del medico oggi presente presso il punto territoriale di Sesto e delle Signe, la riduzione  da 3 ad 1 delle ambulanze medicalizzate oggi presenti a San Casciano, Tavarnelle e Greve in Chianti ed una de-medicalizzazione anche nell’empolese dove attualmente vi sono 3 postazioni medicalizzate che si vorrebbero ridurre ad una sola, un fatto inaccettabile. Da Forza Italia, dunque,  proviene un netto No a questa riforma che  sono anche gli stessi sindacati sanitari a contestare. La cronica carenza di medici deve essere affrontata in maniera efficace dalle amministrazioni dei vari livelli tramite una seria politica di assunzioni e turn-over. In questi trent’anni, conclude il consigliere metropolitano,  il servizio pre-ospedaliero  del 118 si è dimostrato il cuore pulsante della sanità di emergenza fuori dagli ospedali. Centinaia di migliaia di medici, infermieri, volontari, tecnici e autisti hanno dato il massimo, con professionalità e impegno, per raggiungere le persone in pericolo e in stato di bisogno. Oggi tutti loro vanno onorati e ringraziati ma non dobbiamo dimenticare di scendere in campo per tutelare e garantire lo stesso servizio anche per i prossimi anni”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter