Economia
CRONACA

Verilegno cresce a Est...ma non solo

Ottimi risultati nei primi sei mesi del 2021, sia all'estero che in Italia

Verilegno cresce a Est...ma non solo
Economia Valdinievole, 05 Agosto 2021 ore 10:30

Il primo semestre 2021 è decisamente positivo per Verinlegno SPA, con una crescita complessiva del fatturato che segna un +26% sull'anno pre-pandemico, il 2019 (+44% sul 2020). E' un dato che palesa la forte volontà di ripresa dei mercati a livello globale.

Performance di crescita

Il vascello Verinlegno naviga spedito con performance di crescita in quasi tutti i Paesi in cui è presente. In particolare ottiene risultati straordinari in Russia con un +100% sul 2019, in Ucraina + 55 % in Lituania + 36%, in Polonia +27%, in Israele/Palestina +17%. Sorprendono sopratutto Russia e Lituania, realtà nelle quali, dopo un 2020 già in crescita, era atteso un fisiologico assestamento e che hanno visto invece un'ulteriore, consistente espansione. L'azienda aveva posto a inizio anno l'obiettivo del superamento del dato del 2019 (miglior anno in termini di fatturato estero) che con questi numeri sembra essere davvero alla portata.

Intanto l'Italia non tradisce: Sud e Isole rispondono con un +20% sul 2019. Al Centro +12% e il Nord mette a registro un +14%. Ulteriori incrementi sono attesi dalla recente apertura in Veneto del nuovo deposito di Motta di Livenza, con un pool di agenti ampliato, a coprire le province di Treviso e Pordenone, ma anche dal rafforzamento della distribuzione nella zona di Pesaro, con il deposito di Fano inaugurato nel 2020 e dall'attenzione costante dedicata alla Puglia e al Sud in genere.

Se il trend dovesse confermarsi nella seconda parte dell'anno Verinlegno farebbe un notevole balzo in avanti. Restano i punti interrogativi determinati in particolar modo sia dalla attuale reperibilità delle materie prime, che dai costi delle stesse, saliti alle stelle.
Oltre al risveglio dei mercati i risultati ottenuti sono sicuramente il frutto della riorganizzazione (produttiva, logistica, vendite) accelerata dalla pandemia seguendo la linea di investimenti pluriennali perseguita dall'azienda, ma anche dal miglioramento costante della qualità dei prodotti formulati dal laboratorio, poliesteri e acrilici, soprattutto, mentre crescono le vendite degli idrosolubili (+37% sul 2019, +52 sul 2020), sia pur con numeri assoluti più bassi.