La ricchezza della terra

Torna a crescere la produzione di castagne in provincia di Pistoia: in arrivo caldarroste, ballotti e necci

Annuncio importante da parte di Coldiretti Pistoia: dopo anni di penuria, torna a crescere la produzione di castagne fra Montagna e Valleriana. Sarà l'ora di pensare a caldarroste (o frugiate) e necci.

Torna a crescere la produzione di castagne in provincia di Pistoia: in arrivo caldarroste, ballotti e necci
Montagna, 27 Ottobre 2020 ore 19:31

Quest’anno non ci sarà penuria del neccio tradizionale pistoiese, sano ‘snack’ a base di farina di castagne da servire accompagnato da ricotta, che piace anche ai bambini. Dopo anni di penuria, finalmente quest’anno non mancano le castagne.

Boom di castagne nei boschi della provincia di Pistoia

“Anzi –spiega Coldiretti Pistoia – sono in anticipo e di ottima qualità, grazie ad un mese di settembre particolarmente caldo che ha favorito la maturazione. Si trovano anche nei mercati Campagna Amica della provincia di Pistoia, pronte per farne caldarroste o lessarle”.

Dopo una lunga crisi, anche in Toscana le castagne hanno visto la crescita di produzione –spiega Coldiretti-, negli anni passati in alcune zone d’Italia si è rischiata addirittura l’estinzione per la presenza del cinipide galligeno del castagno (Dryocosmus kuriphilus) proveniente dalla Cina, che da anni infesta i boschi lungo la Penisola, provocando nella piante la formazione di galle, cioè ingrossamenti delle gemme di varie forme e dimensioni.

Anche grazie alla ‘guerra’ biologica, con la diffusione dell’insetto Torymus sinensis, che è un antagonista naturale, si assiste ad una inversione di tendenza, con i castagneti che hanno riacquistato vigore. In qualche zona il cinipide ‘resiste’, ma in generale dalla Montagna Pistoiese al Pesciatino c’è un aumento della produzione. Ovviamente si rimane lontani dai livelli di produzione dei tempi in cui castagne e farina costituivano l’alimentazione delle popolazioni della montagna pistoiese.

Visto l’aumento della produzione nazionale il rischio si riduce, ma “è sempre bene tener presente il rischio di trovarsi nel piatto, senza saperlo, castagne straniere provenienti soprattutto da Portogallo, Turchia, Spagna e dalla Grecia –dice Coldiretti Pistoia-, considerato che le importazioni in tutta Italia nel 2019 sono risultate pari a ben 32,8 milioni di chili di castagne, spesso spacciate per italiane, con forti ripercussioni sui prezzi corrisposti ai produttori”.

È bene tenere in conto anche l’utilità ambientale dell’albero. I castagni sono l’albero d’alto fusto più diffuso sulla montagna pistoiese e i castagneti ossigenano l’aria e prevengono frane e dissesti del territorio.

LEGGI ANCHE: La situazione dei cimiteri a Quarrata per Ognissanti

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità