Economia
ECONOMIA

Tari, costo insostenibile per le imprese: la protesta di Confcommercio

Servono soluzioni meno onerose per la tariffa sullo smaltimento dei rifiuti 

Tari, costo insostenibile per le imprese: la protesta di Confcommercio
Economia Pistoia, 24 Maggio 2022 ore 15:39

“I costi per le imprese nel 2022 stanno toccando picchi altissimi, non possiamo permetterci ulteriori aumenti sulla Tari – afferma Confcommercio, commentando i dati dello studio del Servizio lavoro coesione e territorio Uil.
Il tema resta al centro del dibattito per le aziende del terziario che, costantemente, si trovano a confrontarsi con prezzi in crescita, sproporzionati rispetto al servizio offerto.

Gli ultimi anni

Gli ultimi due anni di pandemia ci hanno visti particolarmente attivi nel cercare soluzioni insieme alle Amministrazioni comunali e alle Istituzioni.
Siamo scesi in piazza al fianco degli imprenditori per manifestare le difficoltà delle aziende che si trovavano a pagare un servizio di cui non usufruivano, perché chiuse o fortemente limitate nelle loro attività.
Abbiamo spostato poi il dialogo in altri contesti, cercando soluzioni che alleggerissero i nostri settori e li sostenessero verso una graduale ripresa.
Nella maggior parte dei casi siamo riusciti, grazie al dialogo, a ottenere risposte positive alle nostre proposte.

In ultimo, siamo tornati pochi mesi fa a chiedere ai Comuni delle province di Pistoia e di Prato, di replicare gli sforzi fatti negli anni passati. Sono indispensabili per garantire la tenuta delle imprese del terziario, schiacciate dalla pressione dei costi sempre più alti di energia e materie prime.

Oggi rinnoviamo quest’invito evidenziando l’importanza di mantenere alta l’attenzione verso i nostri settori che, dopo la crisi del covid, si trovano con una forza minore rispetto al passato e con nuove sfide di fronte.

Gli scenari che abbiamo davanti, infatti, sono sicuramente di progressivo allontanamento dalla stagione buia del Covid, ma restano tutt’ora in salita per le imprese.  I livelli pre-covid sono lontani da riconquistare, alcune di loro non torneranno a raggiungerli prima del 2023.

Se vogliamo sostenere il territorio verso una ripresa, è necessario mantenere il dinamismo delle sue attività. Per questo è essenziale lavorare insieme alle Istituzioni per un abbassamento dei costi fissi, fra cui la Tari rappresenta una voce importante”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter