Menu
Cerca
fondi per la montagna

Oltre 750mila euro col “Bando Neve 2020” per le società di Abetone Cutigliano che gestiscono le stazioni sciistiche

Il commento della consigliera regionale del Pd, Federica Fratoni, sullo stanziamento della Regione Toscana di un milione di euro complessivo per gli impianti di risalita: di questi, oltre 750mila euro sono per la zona di Abetone Cutigliano.

Oltre 750mila euro col “Bando Neve 2020” per le società di Abetone Cutigliano che gestiscono le stazioni sciistiche
Economia Montagna, 01 Marzo 2021 ore 17:46

La pubblicazione, da parte della Regione Toscana, della graduatoria per la destinazione dei fondi per il “Bando Neve 2020” alle imprese che gestiscono le stazioni sciistiche consegna una cifra cospicua per il territorio pistoiese: a fronte di uno stanziamento da parte della Giunta di un milione di euro, i progetti presentati dagli impiantisti della provincia di Pistoia sono stati finanziati per oltre 750mila euro, per la precisione 769.663,46 euro.

Fondi per le imprese delle stazioni sciistiche, il commento di Federica Fratoni (Pd)

Le domande presentate riguardano gli operatori che gravitano sul comprensorio di Abetone Cutigliano come Doganaccia 2000, Saf Spa e Val di Luce Spa che riceveranno uno stanziamento, a testa, di 173.786,13 euro, Maestri di Sci Abetone (86.033,17 euro), S.P.I.R. Srl (69.585,97 euro) e La Contessa Srl (92.685,93 euro).
Le somme erogate dovranno servire per coprire le spese per il funzionamento degli impianti, sostenere la capacità turistica dei territori interessati e l’aiuto si intende concesso sottoforma di contributo a fondo perduto in conto esercizio fino ad un massimo dell’80% delle spese sostenute dal 1° febbraio 2020 fino a fine novembre 2021.

«La Regione c’è e con atti concreti dimostra la propria vicinanza ad un settore in grande emergenza come quello degli impianti sciistici che è di vitale importanza per la nostra montagna – ha sottolineato la consigliera regionale del Partito Democratico, Federica Fratoni – in un momento del genere veder arrivare oltre 750mila euro è un segnale notevole e che servirà, sicuramente, per risolvere alcune delle criticità dovute alla seconda stagione invernale consecutiva con gli impianti chiusi, alla luce del protrarsi dell’emergenza sanitaria. Come ho avuto modo di dire anche in occasione dell’incontro delle scorse settimane tenutosi ad Abetone con i referenti del settore, questo è uno dei due ambiti sui quali lavorare e che ha subito dato risposte concrete; l’altro dovrà essere quello di dotare la nostra montagna di infrastrutture a 360 gradi in modo da poter pensare, in un futuro tutt’altro che remoto, anche a modalità di turismo più diffuso rispetto a quello attuale».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli