Fronte economia

Confindustria, l’appello del presidente Giulio Grossi: “Attendiamo i nuovi piani della Toscana”

Nella riunione post-estiva, Confindustria Toscana Nord per voce del presidente Giulio Grossi analizza il momento produttivo alquanto complicato e chiede risposte precise per il futuro.

Confindustria, l’appello del presidente Giulio Grossi: “Attendiamo i nuovi piani della Toscana”
Pistoia, 29 Settembre 2020 ore 18:10

Si è tenuta lunedì 28 settembre l’assemblea dei soci di Confindustria Toscana Nord: un appuntamento posticipato rispetto alla consueta collocazione primaverile, svoltosi in videoconferenza e privo di quel momento importante di confronto che è la parte pubblica. La scelta dell’associazione è stata all’insegna della massima prudenza, in un momento di grande delicatezza per l’andamento della pandemia. All’ordine del giorno gli adempimenti statutari annuali per fare il punto sull’andamento dell’associazione ma anche per ribadirne obiettivi e progetti.

Confindustria Toscana Nord, il punto a fine estate 2020

“Confindustria Toscana Nord è per sua natura ben diversa dalle aziende che la compongono ma condivide con queste la necessità di operare conservando sempre un equilibrio di bilancio che in questi tempi difficili non è scontato – commenta il presidente di Confindustria Toscana Nord Giulio Grossi – Come le nostre aziende, l’associazione si è impegnata a contenere quanto più possibile i costi e a salvaguardare la propria capacità di attrazione di entrate. Parlo di ‘capacità di attrazione’ perché il contributo a un’associazione di categoria come la nostra non è un obbligo ma una libera scelta delle imprese: sta quindi a noi intercettare i loro bisogni e soddisfarli al meglio. Nei mesi più duri del lockdown Confindustria Toscana Nord è stata un punto di riferimento quanto e più che in altri momenti, sia dal punto di vista politico che sul fronte dell’assistenza e consulenza alle aziende.”

Il presidente Grossi ha ricordato che il pressing politico di Confindustria Toscana Nord ha contribuito in maniera talvolta determinante a ottenere l’introduzione del principio di filiera come criterio di individuazione dell’’essenzialità’ di un’azienda (in sostanza un’azienda rientrava fra le essenziali e poteva quindi rimanere operativa se faceva parte della filiera di aziende essenziali, qualsiasi fosse il suo settore); altri provvedimenti sui quali Confindustria Toscana Nord ha fatto sentire la propria voce sono stati anche i tre giorni di posticipo del lockdown per predisporre le aziende alla chiusura e la riapertura di alcuni settori legata alla deperibilità delle materie prime trattate. Il presidente ha citato anche l’impegno dell’associazione perché le misure di sicurezza siano sostenibili da parte delle aziende, per espletare le numerosissime pratiche di cassa integrazione pervenute e per favorire l’afflusso di liquidità verso le imprese.

“Come imprese e come associazione abbiamo fatto e stiamo facendo tutti gli sforzi possibili che limitare gli effetti negativi di una pandemia che rimane preoccupante, in Italia e ancor più nei paesi vicini e nei nostri mercati esteri – ha sottolineato Grossi – Ora servono azioni forti e coraggiose da parte delle istituzioni pubbliche: questo dramma sanitario ed economico deve essere quanto più possibile volto nell’opportunità di un rinnovamento radicale. Cito due capitoli su cui si misurerà la capacità e la voglia di dare una reale sterzata nella direzione della modernità, dell’efficienza, di un’attenzione concreta all’economia: il programma del nuovo governo della Regione Toscana e, a livello nazionale oltre che regionale, i piani per il recovery fund. La strada per il futuro passa in primo luogo dalle decisioni che saranno assunte su questi fronti, dalla capacità del mondo del credito di sostenere finanziariamente i progetti delle imprese e da un fisco più equo.”

LEGGI ANCHE: Quindici asili nido convenzionati col Comune di Pistoia

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità