Menu
Cerca
duro scontro

Confcommercio all’attacco del Comune di Pescia: “Le tariffe più alte dei parcheggi sono inspiegabili”

Confcommercio lancia accuse pesanti nei confronti del Comune di Pescia per l'aumento delle tariffe delle soste in centro e senza nessuna concertazione. "Scelta inspiegabile".

Confcommercio all’attacco del Comune di Pescia: “Le tariffe più alte dei parcheggi sono inspiegabili”
Economia Valdinievole, 08 Aprile 2021 ore 18:18

“È inspiegabile la scelta del Comune di Pescia di introdurre tariffe più alte per la sosta in città, di aumentare il numero degli spazi a pagamento e delle aree di sosta per i residenti. In una situazione di grave crisi come quella che stiamo vivendo, dovremmo lavorare per rendere il territorio più accessibile e accogliente per tutti coloro che  vorranno raggiungerlo. Invece vediamo che l’Amministrazione rema in senso contrario senza alcun confronto preventivo con le realtà del territorio: chiediamo subito un incontro, la voce delle imprese non può essere
ignorata”.

Nuove soste a pagamento a Pescia, l’affondo di Confcommercio

Sono duri i toni che Confcommercio usa per commentare il nuovo piano dei parcheggi approvato dal Comune che entrerò in vigore fin dalle prossime settimane.

“A essere coinvolte dal nuovo progetto sono numerose aree di sosta del centro storico e di altre zone della città che passeranno a pagamento, fra cui anche Collodi. Inoltre, apprendiamo che alcuni spazi del centro  storico saranno riservati in via esclusiva ai residenti senza quindi poter ospitare chi visita la città  dall’esterno. Ciò non fa che rendere ancora più complessa la fruizione dei principali punti di interesse del territorio, creando di conseguenza una dinamica di allontanamento dei visitatori e dei turisti. Tali scelte  appaiono oggi più che mai gravi.

Da oltre un anno il tessuto imprenditoriale della città è in ginocchio, i sostegni sono inesistenti se non del  tutto insufficienti e numerose attività non sanno se arriveranno alla fine dell’anno. A essere a rischio è  quindi lo stesso equilibrio economico e sociale di Pescia e questo pericolo che non può essere ignorato.

Le imprese dovrebbero essere messe nelle condizioni di lavorare al massimo delle loro potenzialità non  appena sarà possibile farlo, è illogico prendere decisioni che mettono degli evidenti vincoli alla  ripartenza. Per questo chiediamo con urgenza un confronto con l’Amministrazione per rivedere il piano
parcheggi. È inaccettabile far gravare sulle aziende il peso di scelte del tutto distanti dal contesto
emergenziale che stiamo vivendo”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli