Economia
Il mondo della finanza

Chiantibanca, approvato il progetto di bilancio 2019 con un utile record

Approvato il progetto di bilancio 2019 di Chiantibanca che si chiude con un utile record di poco superiore agli 11 milioni di euro: adesso manca solo l'approvazione dell'Assemblea dei soci in programma il prossimo 26 giugno.

Chiantibanca, approvato il progetto di bilancio 2019 con un utile record
Economia Pistoia, 30 Maggio 2020 ore 12:33

Con 11,090 milioni di euro di utile si chiude come meglio non si potrebbe il progetto di bilancio 2019 di Chiantibanca che adesso dovrà essere approvato dall'assemblea annuale dei soci che si terrà il prossimo 26 giugno.

Chiantibanca, utile record previsto per il 2019

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dalla direzione generale di ChiantiBanca in merito all'approvazione del progetto di bilancio 2019.

Il Consiglio di Amministrazione di ChiantiBanca ha approvato il progetto di bilancio 2019 chiuso con
un utile netto di 11,090 milioni, il più alto mai fatto registrare dalla banca e il primo dall’adesione al Gruppo Bancario Iccrea.
Il progetto di bilancio 2019 sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea annuale dei Soci che si terrà venerdì 26 giugno (in seconda convocazione) con una modalità del tutto eccezionale a fronte ell’emergenza Covid-19: lo svolgimento dei lavori avverrà senza presenza fisica dei soci, che avranno la
possibilità di esprimere il voto esclusivamente conferendo delega al Rappresentante Designato, individuato nel notaio Marcello Focosi (sul sito chiantibanca.it la documentazione e le istruzioni di svolgimento assembleare).

Fra i punti all’ordine del giorno della prossima Assemblea anche l’elezione delle nuove cariche sociali
(Consiglio di Amministrazione, Collegio Sindacale e Collegio dei Probiviri): sempre su chiantibanca.it la lista delle candidature.

Tornando ai numeri di bilancio, a ulteriore testimonianza degli importanti risultati e del livello di solidità raggiunti, va registrato il notevole miglioramento del profilo creditizio, con il rientro del Texas Ratio e del Gross Npl Ratio nei parametri di sostenibilità previsti dalla Capogruppo; contestualmente, continuano ad aumentare le coperture del credito deteriorato (62,44% sulle sofferenze, 47,80% sul dato complessivo
degli Npl) e prosegue la risalita dei coefficienti patrimoniali: Cet1 capital ratio 11,61% e Total capital ratio
13,69%. Da evidenziare, inoltre, la sensibile crescita del patrimonio netto (199,2 milioni, 13,2 in più rispetto
al bilancio 2018) e l’incremento dei soci di oltre cinquecento unità (attualmente sono oltre 27.500, quinta
Bcc in Italia come numero).

“L’utile di bilancio 2019 va decisamente oltre le previsioni anche grazie al contributo di componenti
favorevoli non ricorrenti rappresentate dall’utile da negoziazione titoli – le parole del presidente Cristiano Iacopozzi – ma è ciò che esprimono tutti gli indicatori patrimoniali e di liquidità, oltre che la riqualificazione del portafoglio creditizio, a testimoniare come ChiantiBanca sia una realtà sana, con basi solide e prospettive sempre più incoraggianti, continuando a esprimere una vicinanza marcata nei territori di riferimento: in termini di credito erogato e di sostegno a iniziative, istituzioni, enti, associazioni culturali e sportive (oltre un milione erogato sui territori, 440 gli eventi sostenuti), grazie anche all’impegno condiviso con Fondazione ChiantiBanca e ChiantiMutua. Per tutto questo voglio esprimere il più grande ringraziamento al personale dipendente, esempio di attaccamento all’Azienda, oltre che a soci e clienti”.

LEGGI ANCHE: Mirco Romoli nuovo direttore generale di ChiantiBanca

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter