Economia
Nighilife

Apre in centro a Pistoia un nuovo locale firmato da Fabio Madiai

"Stiamo creando un nuovo concetto di vivere una serata"

Apre in centro a Pistoia un nuovo locale firmato da Fabio Madiai
Economia Pistoia, 11 Dicembre 2022 ore 18:50

È di prossima apertura, a Pistoia, un locale innovativo all'interno del quale ci saranno molte cose da scoprire. A firmare il progetto è Fabio Madiai, notissimo scenografo e designer fiorentino.

La notizia è ufficiale: una sua creazione, a breve, prenderà vita in pieno centro a Pistoia, frutto anche dell’investimento di due imprenditori del capoluogo regionale sul territorio. Una notizia importante per la proposta cittadina che, praticamente sulla Sala, vede nascere una realtà destinata a riaccendere l’immobilismo che si era creato.

«Stiamo creando un nuovo concetto di vivere una serata. Dall’aperitivo fino alla notte, seduti al bancone. Liberi di scegliere un cocktail, di stuzzicare, cenare. Senza le regole e la liturgia di un ristorante».

Ci spieghi meglio, se possibile. C’è già molta curiosità.
«Nel locale che andremo a proporre non esiste un’identificazione specifica. Si può fare tutto, ma anche niente. Semplicemente bere un drink. Tutti seduti intorno allo stesso bancone del bar, vero protagonista del progetto, tutti nel loro spazio intimo, senza imposizioni. Si arriva, si entra a qualsiasi ora e si può bere, mangiare, ascoltare con una qualità assoluta la musica che è una cornice acustica. Ai clienti verranno proposti e serviti importanti taglieri sopra i quali troviamo una vasta selezione di finger food che permetteranno di cenare».

Come al solito, quando c’è la sua firma, l’impatto creativo ed estetico del locale, degli allestimenti e della scenografia, sarà importante.
«Ogni dettaglio è stato curato con l’obiettivo di presentare una proposta unica. Utilizziamo lo spazio di una chiesa sconsacrata per creare una grande atmosfera, non regolare. Cucina e cocktail saranno in primo piano, ma non in un percorso lineare. Sarà il cliente a scegliere e a lasciarsi trasportare».

Prima mi anticipava anche la qualità dell’impianto acustico.
«Abbiamo installato un impianto audio di altissima fedeltà, con l’effetto di un auditorium. La musica dovrà stimolare le emozioni senza invadere. Come ho detto prima: è una cornice che ha come protagonisti la cucina e quindi i taglieri e i cocktail».

Si può anticipare il nome del locale?
«Si chiama Bhash, unisce le culture occidentale e orientale dove vivere un’esperienza in un’atmosfera dai contrasti assolutamente insoliti, tipici di un viaggio mistico che va da oriente ad occidente per subire il fascino di tutte le forme di cultura alternativa, che esprimono insofferenza delle regole, recupero dei codici comportamentali e di costume».

Alcuni dettagli dell’opera di design che ha realizzato li possiamo sapere?
«La chiesa è intesa come spazio, non come entità esistente. Abbiamo, ad esempio, ridotto l’altezza facendo scendere dalle capriate in castagno una grande e invasiva cascata di sospensioni. Questa massa di luci contengono gioielli di tecnologia led, emananti particolari sfiori fluorescenti dal ricordo psichedelico. Il bar è predominante, formato ad isola centrale dove gli operatori sono i protagonisti della scena, immersi nelle luci cambiacolor. Qui si mixa la cucina ai cocktail».

La chiesa sconsacrata all’interno della quale, nelle prossime settimane, sorgerà Bhash, è l’antica chiesa di Santa Maria del Giglio. In via del Giglio, 2.  La proprietà fiorentina affiderà la direzione artistica al team di lavoro pistoiese, Movida Solo eventi 1990. Sicuramente la firma di Fabio Madiai è una certezza di grande innovazione. Ideatore e designer di locali tra i più rinomati e di successo in tutta Italia, ha realizzato tra gli altri Il Lidò Le Panteraie a Montecatini Terme, l’Aquarama a Empoli, Sushi Jazz a Pietrasanta e anche il grande progetto di Villa Vittoria a Firenze oggi uno dei più all’avanguardia non solo in Toscana.

«Ogni mia creazione è un’opera unica - ha concluso Madiai -. Un nuovo modo di costruire dalle basi scenografiche, dove il risultato emozionale si ottiene ottimizzando i costi».

Seguici sui nostri canali