La polemica

Amazon risponde a Confesercenti Pistoia: “Investiamo in Italia e ci sono 1600 nuovi posti di lavoro”

Dopo la pubblicazione del comunicato di Confesercenti Pistoia, è direttamente il colosso Amazon a rispondere alle accuse mosse verso il colosso e snocciola i numeri di investimenti, posti di lavoro ed aziende con le quali collabora in Italia.

Amazon risponde a Confesercenti Pistoia: “Investiamo in Italia e ci sono 1600 nuovi posti di lavoro”
Pistoia, 13 Ottobre 2020 ore 17:44

Riceviamo e pubblichiamo la replica dell’ufficio stampa di Amazon in merito all’articolo pubblicato questa mattina, martedì 13 ottobre, sulla posizione di Confesercenti Pistoia in vista dei regali di Natale.

Confesercenti Pistoia attacca Amazon che risponde

LEGGI QUI -> La posizione di Confesercenti Pistoia

“In relazione a quanto riportato da Confesercenti sul Prime day e il Black Friday, riteniamo opportuno far presente quanto segue. In occasione del Prime Day del 13 e 14 Ottobre di quest’anno, Amazon ha lanciato la più grande promozione per le PMI mai realizzata. Amazon investirà più di 85 milioni di euro in nuove attività promozionali per aiutare le piccole e medie imprese in tutto il mondo ad aumentare le vendite e a raggiungere nuovi clienti. Dal 28 settembre al 12 ottobre, Amazon ha offerto ai clienti Amazon Prime che hanno speso 10€ sui prodotti delle PMI selezionate un credito di 10€ da utilizzare durante Prime Day. Questa promozione è stata interamente finanziata da Amazon per mettere in contatto i clienti con gli innovatori, gli artigiani e gli imprenditori locali che vendono su Amazon.

Facciamo presente che oggi quasi il 60% di tutti gli acquisti sui 18 siti globali di Amazon proviene da venditori di terze parti, che ha come effetto diretto quello di aumentare la selezione e la convenienza per i clienti. Amazon ha investito in Italia oltre 5,8 miliardi dal 2010 al 2019 ed entro la fine del 2020 verranno creati 1.600 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, raggiungendo +8.500 dipendenti, in più di 25 sedi nel nostro Paese. In Italia, oltre 14.000 piccole e medie imprese vendono attraverso Amazon e una parte di esse utilizza la Vetrina del Made in Italy di Amazon o servizi come la Logistica di Amazon per far crescere le loro attività ed esportare prodotti italiani in tutto il mondo.

Nel 2019, proprio queste piccole e medie imprese utlizzando Amazon hanno esportato prodotti italiani nel mondo per un valore superiore ai 500 milioni di Euro. Inoltre, secondo lo studio della società indipendente di consulenza e analisi economica Keystone, Amazon ha contribuito al prodotto interno lordo (PIL) in Italia per 7,6 miliardi di Euro, tra il 2010 e il 2019, e creato nel solo 2019 – per effetto indiretto degli €1,8 miliardi investiti, più di 120.000 nuovi posti di lavoro.

Il mercato al dettaglio globale in cui operiamo è straordinariamente ampio e competitivo e oggi non esiste più un cliente monocanale, nessuno acquista solo nel canale online o nei negozi fisici. I clienti vanno ovunque trovino comodità e servizi. Amazon rappresenta meno dell’1% del mercato al dettaglio globale e meno del 4% della vendita al dettaglio negli Stati Uniti. In Italia l’eCommerce è in aumento ma continua a rappresentare una piccola parte degli acquisti complessivi (8%) di cui Amazon è una piccola parte. Inoltre, in relazione al tema fiscale, precisiamo che Amazon paga tutte le tasse dovute in tutti i Paesi in cui operiamo. I dati relativi alla nostra contribuzione fiscale in Italia sono disponibili su aboutamazon.it.

”Vacciniamo al Ceppo”. E’ il progetto dei Medici di Famiglia per le sedute straordinarie della vaccinazione antinfluenzale

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità