CULTURA

Sabato 22 agosto a Pistoia l’inaugurazione della mostra “Natura in crisi” di Paolo Pelosini

La mostra personale, a ingresso gratuito, resterà aperta fino a domenica 27 settembre nei giorni da martedì a domenica dalle 15 alle 18.

Sabato 22 agosto a Pistoia l’inaugurazione della mostra “Natura in crisi” di Paolo Pelosini
Pistoia, 20 Agosto 2020 ore 14:59

Sabato 22 agosto a Pistoia l’inaugurazione della mostra “Natura in crisi” di Paolo Pelosini

Sabato 22 agosto alle 17.30 nelle Sale Affrescate del Palazzo comunale di Pistoia sarà inaugurata la mostra Natura in crisi di Paolo Pelosini, a cura di Claudio Giorgetti. Si tratta del primo appuntamento nell’ambito della settima edizione del Performance Art Festival .

Nella rassegna pistoiese Pelosini propone alcune opere realizzate nella sua quarantennale presenza a New York. Si tratta di sculture e quadri spigolosi, taglienti, scabri, aggressivi e ostili i quali sembrano appartenere ad un eterno “Day After”. I soggetti delle sue opere spaziano da tematiche sacre (crocifissioni, angeli caduti) a figure di animali (carcasse di cavalli, pesci, uccelli), fino a rivisitazioni di soggetti legati all’arte classica e medievale. Le sculture sono generalmente di metallo e provengono da scarti di oggetti o manufatti che, esaurito il loro ciclo vitale sono stati abbandonati per le discariche o per le strade di Manhattan.

La mostra è ad ingresso gratuito

Questi frammenti di lamiere, bidoni, longarine, mobili da ufficio metallici per Pelosini sono “pietra locale” e come tale utilizzata per realizzare i suoi “stupendi e inquietanti” animali morti, reperti di scavi metropolitani. La mostra si conclude con il corto di Sara Bargiacchi che documenta l’abitazione-studio a Massarosa o, come dice l’artista, “il suo mausoleo”.

La mostra personale, a ingresso gratuito, resterà aperta fino a domenica 27 settembre nei giorni da martedì a domenica dalle 15 alle 18. Per entrare non occorre la prenotazione.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità