Festival

Roberta Mucci è ambasciatrice all’estero col suo “Corto”

Il Festival di Venezia premia “Come un uragano senza identità” e lo manda in finale a Kiev ed a Montecatini Terme

Roberta Mucci è ambasciatrice all’estero col suo “Corto”
Pistoia, 04 Ottobre 2020 ore 13:26

Roberta Mucci è stata scelta a Venezia per rappresentare l’Italia in due kermesse internazionali di film “Corti” a Kiev ed a Montecatini Terme, col suo ultimo lavoro “Come un Uragano senza identità”. La commissione artistica della rassegna di Venezia ha deciso di premiare l’opera della giovane regista buggianese e farne la propria “ambasciatrice nel mondo, prima alla rassegna dei “corti” di Kiev, che si svolge in questi giorni (dal 4 al 6 ottobre) e poi a quella di Montecatini Terme che si svolgerà più avanti sempre ad ottobre.

Questa la motivazione della decisione: «La commissione artistica ha scelto l’autrice che meglio rappresenta la creatività, che da sempre accompagna l’immagine della città nel mondo e l a capacità di promuovere lo stile di vita italiano nel messaggio mondo. La forte tematica scelta è una denuncia contro i soprusi anche i più abietti e allo stesso tempo un monito verso l’umano indegno di comprendere l’armonia universale ben rappresentata dalla generosità della donna il cui amore travalica il quotidiano e va oltre il tempo. La nostra ambasciatrice èRoberta Mucci, regista del film “Come un uragano senza identità”».

Abbiamo chiesto alla regista di parlarci della sua opera.

Ci racconta come ha ricevuto questo bel riconoscimento?

«Ho mandato al cortometraggio a diversi festival. Tra cui quello di Venezia. Lì, quando lo hanno visto, la commissione del Misff l’ha valutato degno di rappresentare, sia per la tematica, sia per come è stato girato, l’Italia all’estero. Il presidente del Misff, tra l’altro è Marcello Zeppi, già presidente del festival di Montecatini Terme. Quindi la pellicola è stata fatta accedere alla finale del concorso che si tiene proprio in questi giorni in Ucraina a Kiev ed a quello di Montecatini a fine ottobre».

Non è potuta andare personalmente?

«No, a causa dell’emergenza Covid-19 è stato più prudente rimanere a casa. Quindi aspetto notizie anche io per sapere come è andato al concorso il mio film. Però dal 24 al 28 ottobre al festival di Montecatini ci sarò».

Di cosa tratta il corto?

«Si parla di femminicidio, un tema purtroppo tristemente attuale».

Che si prova a rappresentare l’Italia?

«È un grande onore e c’è tanta emozione, la felicità è immensa. Andiamo a fare una cosa che non abbiamo mai fatto prima. Sicuramente mi chiameranno anche dall’estero, anche se non sarò lì personalmente ci sarà da interloquire con gli organizzatori e gli altri partecipanti al festival. Essere stati selezionati è già tanto, quindi non mi aspetto niente di più. Spero che la tematica del film colpisca, perché si parla di femminicidio ed il mio intento è quello di far arrivare il messaggio. Se poi il mio lavoro verrà premiato o meno è una cosa secondaria, perché la premiazione è soggettiva, anche da parte della giuria. Per me è già molto andare a rappresentare all’estero l’Italia. L’obiettivo, ed anche la speranza, è che tutte le persone che lo vedranno comprendano pienamente il senso del corto. Deve far riflettere perché parliamo di cose realmente accadute, infatti l’input mi è stato dato da Franco arena, che mi ha aiutata, e che era a conoscenza dei fatti».

La trama è la seguente: «Paolo, preoccupato per l’amica Anna, succube di un marito violento che la maltratta, la invita a denunciare il fatto alla Polizia. Anna stenta a farlo, un po’ per paura, un po’ per vergogna e per non ferire la figlia quindicenne che vuole bene al padre. Paolo si offre di accompagnarla alla Polizia per denunciare le violenze subite….questo gesto la metterà davanti ad una dura realtà».

Questa la scheda del film ed il cast. Regia: Roberta Mucci. Soggetto: Franco Arena e Roberta Mucci. Sceneggiatura: Roberta Mucci e Ilaria Parlanti. Musiche: Renato Droghetti e Roberta Mucci. Direttore della fotografia: Gaddo Masieri. Audio in presa diretta: Niccolò Filippi. Operatore di ripresa: Mirko Filippi. Montaggio: Franco Filippi. Cast: Federico Mariotti, Giada Benedetti, Annamaria Malipiero, Ivo Romagnoli, Sergio Forconi, Benedetta Gori, Ilaria Parlanti, Niccolò Natali.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità