Nel palio di Pescia 2019 sfileranno anche figuranti in vesti ecclesiastiche

Ancora più stretto il legame fra Pescia e la sua Diocesi che nel 2019 festeggia il Giubileo dei 500 anni della nascita: nella sfilata del Palio di domenica 2 settembre ci saranno anche figuranti in abiti ecclesiastici.

Nel palio di Pescia 2019 sfileranno anche figuranti in vesti ecclesiastiche
Cultura Valdinievole, 31 Agosto 2019 ore 12:24

La novità annunciata dal sindaco di Pescia, Oreste Giurlani, alla vigilia dell'edizione 2019 del Palio: un modo per collegare ancora di più l'evento più importante dell'anno per la città con il Giubileo che la chiesa sta celebrando in occasione della nascita, avvenuta 500 anni fa, della Diocesi.

Palio di Pescia 2019, pronti a sfilare anche in abiti ecclesiastici

Una grande novità caratterizzerà l’edizione 2019 del Palio di Pescia, in programma domani (domenica 2 Settembre 2019) e , in particolare, per il corteo di figuranti in costume, che prenderà il via intorno alle 14,45. Quest’anno, per prima volta in assoluti, nel corteo del Palio compare un gruppo di figuranti in vesti ecclesiastiche.

Con questa idea del sindaco di Pescia Oreste Giurlani, che ha subito trovato il consenso della curia vescovile, si vuole così rievocare la nascita della Diocesi di Pescia, avvenuta 500 anni fa, in omaggio al Giubileo che la chiesa della valdinievole sta celebrando. Come ricorda la storia, Il 15 Aprile 1519 Papa Leone X firmava infatti la Bolla Sancti Apostolatus con cui le parrocchie della Val di Nievole e della Valleriana orientale venivano affrancate dalla Diocesi di Lucca e si costituivano in una Chiesa diocesana autonoma, con capoluogo Pescia.

Una caratteristica particolare di questa nuova realtà ecclesiale fu che, per circa due secoli, non ebbe come guida un vescovo, ma l’intero Capitolo dei Canonici di S.Maria Assunta, l’attuale Cattedrale, presieduto dal proposto a cui furono assegnate quasi tutte le funzioni di un Vescovo, le vesti pontificali e le insegne.

Per ricordare tutto questo è stata studiata una suggestiva scena simbolica e quindi, quando il corteo arriverà nei pressi della Cattedrale, usciranno i figuranti con vesti ecclesiastiche, guidati da don Valerio, parroco di S.Stefano e S.Michele che rappresenterà l’autorità ecclesiastica dell’epoca, unendosi al corteo stesso.

“E’ il nostro omaggio a questa ricorrenza e alla notevole importanza che la Diocesi ha avuto e sta avendo per la nostra città. La partecipazione della Curia al nostro corteo conferma la piena appartenenza e sintonia della chiesa con le più importanti manifestazioni di Pescia - dice il sindaco Oreste Giurlani - A questo riguardo intendo fare partire quanto prima l’iter istituzionale per conferire al vescovo Roberto Filippini la cittadinanza onoraria, come riconoscimento per la sua insostituibile e continua opera religiosa e sociale. Una persona molto apprezzata che intendiamo legare per sempre alla nostra comunità”.

LEGGI ANCHE: Pensioni in pagamento a Poste Italiane da lunedì 2 settembre