La chiusura

La biblioteca comunale è chiusa al pubblico ma è comunque possibile prendere in prestito e restituire i libri

Due le modalità previste: si potranno effettuare gli scambi tramite la finestra a sinistra della porta di ingresso oppure richiedendo la consegna a domicilio

La biblioteca comunale è chiusa al pubblico ma è comunque possibile prendere in prestito e restituire i libri
Pistoia, 07 Novembre 2020 ore 14:00

Come stabilito dal Dpcm del 4 novembre 2020, la biblioteca comunale Bellucci resterà chiusa al pubblico fino al prossimo 3 dicembre. Il prestito e la restituzione dei libri, tuttavia, saranno possibili anche in questo periodo: gli utenti avranno accesso al servizio attraverso due modalità.

La prima prevede la possibilità di effettuare gli scambi tramite lafinestra a sinistra della porta di ingresso dalle 9.00 alle 15.00. Per quanto riguarda il prestito, gli utenti dovranno richiedere con almeno un’ora di anticipo i volumi che desiderano telefonando al numero 0573 621289 o scrivendo all’indirizzo e-mail prestito@comunesanmarcellopiteglio.it. La restituzione, invece, potrà essere effettuata bussando alla finestra o telefonando allo stesso numero.

La seconda, invece, prevede la consegna a domicilio. Gli utenti potranno, per comprovati motivi di necessità, richiedere di ricevere a casa i libri desiderati chiamando il numero 0573 621289 o scrivendo a prestito@comunesanmarcellopiteglio.it. Al momento della consegna, si potranno restituire i volumi già in possesso. Il servizio verrà effettuato il lunedì, mercoledì o venerdìall’orario concordato con l’utente.

È disponibile anche DigiToscana MLOL, la biblioteca digitale che consente di accedere gratuitamente, via internet, a quotidiani, riviste, e-book, musica, banche dati, film, immagini, audiolibri, corsi a distanza e tanto altro. Le credenziali per l’accesso possono essere richieste scrivendo a biblio@comunesanmarcellopiteglio.ito telefonando al numero 0573 621289.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità